Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Martiri di Gorla, Milano celebra il 70° anniversario

Come già scritto in un altro post, mio padre prendeva il tram per andare a scuola lì davanti, ma avendo sentito l’allarme andò a rifugiarsi nei fossi vicino a casa, da dove ha seguito il bombardamento.

Le rotaie del tram, sono state scaraventate fino al 4° piano delle case. Un suo amico, che è saltato giù dal tram è stato lanciato su un albero dallo spostamento d’aria. Un altro suo amico, con la sorellina, era a scuola ed è rimasto sotto le macerie. Si è spezzato le gambe, ma si è salvato. La sorellina, no.

Ricordiamoci che il comandante del secondo Gruppo di bombardieri si rese conto di essere finito fuori rotta, ma decise  di sganciare lo stesso il proprio carico di bombe sulla città.

Suggerisco di visitare Memoro.org dove sono raccolte le testimonianze filmate di chi ha vissuto, da bambino, l’orrore dei bombardamenti. Le parole di un anziano, dei suoi ricordi incancellabili, valgono più di tanti discorsi fatti a freddo…

Screenshot 2014-10-14 15.47.08

* * *

leggo sul Corriere.it

Milano non dimentica i Piccoli Martiri di Gorla. Sarà un programma articolato in tre giornate tra ricordi, celebrazioni, testimonianze e rappresentazioni teatrali quello che il Comune con i Consigli di Zona 2 e 3 e le realtà territoriali, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, ha ideato per celebrare il 70° anniversario.

Le celebrazioni dell’anniversario prenderanno il via venerdì 17 ottobre, alle ore 14.30 in Piazza dei Piccoli Martiri di Gorla, con un  volo di 184 aquiloni resi unici dai disegni, colori e decorazioni realizzate dai bambini delle scuole elementari  Martiri di Gorla e Crispi.

A seguire workshop a cura di Elisabetta Oneto e letture poetiche a cura di Roberto Carusi e Viola Caruso con l’accompagnamento musicale di Gianni De Rosa. Un’iniziativa realizzata dal Consiglio di Zona 2 in collaborazione con City Art per ricordare quel 20 ottobre 1944 quando un bombardamento aereo colpì la scuola elementare Francesco Crispi.

Le vittime furono 614, di cui 184 bambini, oltre ad alcune centinaia di feriti e decine di scomparsi. Sul terreno dove sorgeva la scuola elementare, concesso dal Comune di Milano ai parenti delle vittime, venne innalzato il monumento ossario intitolato ai “Piccoli Martiri di Gorla”, realizzato dallo scultore Remo Brioschi e inaugurato nel terzo anniversario della strage.

Screenshot 2014-10-15 15.22.21

(Fotogramma)

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: