Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Parte la nuova campagna contro il fumo, con uno spot di Frassica

Chi mi legge abitualmente sa che non amo i fumatori in quanto la maggioranza è composta da incivili che buttano i pacchetti per la strada ed i mozziconi dove capita.

Leggi: I rifiuti? “Non nel mio giardino”, però quando si parla di mozziconi….

Fortuna vuole che ci sia una minoranza che fa la cosa giusta, a testimonianza che volendo si può fare, cosa questa che condanna ulteriormente i gesti degli incivili.

In seconda battuta, da bravo allergico DOCG, il fumo mi crea, al primo respiro, un violento mal di testa, per cui meno fumatori incrocio e meglio sto. 😉

Leggo su E-R Consumatori della nuova campagna contro il fumo e sebbene non abbia nulla in contrario contro i messaggi forti, mi ha lasciato perplesso l’affermazione del Ministro Lorenzin in merito allo spot di Frassica che apprezzo per aver incluso un messaggio aggiuntivo a quello contro il fumo.

Dice il Ministro che:

“…nella maggior parte dei Paesi europei che sul fumo hanno fatto spot molto aggressivi. Noi abbiamo preso una strada diversa, uno stile di comunicazione delicato, ironico ma al tempo stesso forte.”

Una comunicazione delicata, ironica, che si basa sul dire ad un fumatore Ma che sei scemo?

Personalmente ritengo che fumare non sia una gran furbata, in primis per i danni fisici che si autoinfliggono, pagando, i fumatori, ma tant’è.

Fermo restando che il fumo fa male, mi sembra fuori luogo che il Ministro definisca la campagna dallo stile delicato ed ironico se dai dello scemo ad uno che fuma per strada oppure applichi ai pacchetti l’immagine di una ragazza che sputa sangue.

Al di là della coerenza fra affermazioni e slogan mi vien da pensare che il Ministro cerchi di tenere i piedi in due staffe ovvero da una parte lancia una campagna contro il fumo, ma nel contempo sembra dire al fumatore “stiamo scherzando” …

Tipico dei politici che cercano di non urtare la suscettibilità di nessuno fra quelli che, un domani, potrebbero anche non votarli.

In seconda battuta, sarà poi divertente vedere quei pochi genitori che cercano di non far dire parolacce ai bambini, trovarsi alle prese con spot che urlano Sei scemo? … magari poteva andar bene ugualmente un Ma che stai facendo? Non lo sai che il fumo ti uccide?

Banner1920x415

Nuove immagini choc sui pacchetti e uno spot del ministero della Salute che si intitola “Ma che sei scemo?”.

Sono i provvedimenti contenuti nel decreto che si ispira a una direttiva europea secondo la quale occorre introdurre il divieto di fumo all’interno delle auto se ci sono bambini o donne in gravidanza, lo stop alla vendita di sigarette elettroniche ai minorenni e il ritiro della licenza ai tabaccai che vengono pescati per 2 volte a vendere sigarette a chi ha meno di 18 anni.

Per quanto riguarda le immagini da applicare sui pacchetti in vendita, ecco che inizieranno a diffondersi, accanto ai testi sui danni da fumo, immagini come una ragazza che sputa sangue, un bambino dal volto triste candidato ad accendersi la prima sigaretta in giovanissima età, un uomo disperato dai problemi di impotenza, la diminuzione delle probabilità di concepire, l’aumento del rischio aborto spontaneo e fino alla cecità.

In Italia, secondo gli ultimi dati, su 52,3 milioni di abitanti con età superiore ai 14 anni, i fumatori sono circa 10,3 milioni (19.5%) di cui 6.2 milioni di uomini (24.5%) e 4,1 milioni di donne (14.8%).

La campagna 2015 ha come obiettivo quello di responsabilizzare direttamente i fumatori alla cura della propria salute e di quella di chi gli sta vicino (in particolare a tutela dei bambini contro il fumo passivo).

“Ma che sei scemo?” è una “campagna sociale combinata”: non è solo una campagna contro il fumo ma anche una campagna contro altri comportamenti non salutari o comunque non corretti.

Essa, come detto, prevede uno spot video (della durata di 30”) ed uno spot radiofonico (della durata di 30”) per ciascuno dei quali sono stati realizzati quattro soggetti differenti:

  • donne in gravidanza fumatrici attive
  • fumo passivo sui bambini
  • giovani e dissuasione dall’iniziazione al fumo
  • donne fumatrici attive

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: