Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Kangbashi, la città fantasma della Cina inizia a crollare

Sulla piazza centrale domina l’enorme statua di Gengis Khan. Tutto attorno grattacieli, una moschea, un imponente teatro, uno stadio da 35.000 posti.

Un’opera mastodontica voluta dal governo cinese più di 10 anni fa, una sorta di progetto utopico perfetto sulla carta che però non ha mai dato i frutti sperati.

Restano facciate perfette che nascondono angoli non finiti, scheletri di acciaio. Col tempo e senza mai essere usate, queste strutture stanno iniziando a marcire e crollare perché sono stati costruiti in fretta e furia.

Le strade sono sempre più vuote, come i quartieri residenziali. Nel bel mezzo del deserto, la città fantasma di Kangbashi disegna uno scenario quasi post-apocalittico.

lettura integrale qui: Kangbashi, la città fantasma della Cina inizia a crollare

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 aprile 2016 da in Ambiente & Ecologia, Leggo & Pubblico con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: