Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

La bufala dei “Conigli allevati a terra”. Gli animali crescono sempre in gabbia e….

Sarà anche permesso dalla legge definire Allevato a terra un coniglio che invece è in gabbia, tuttavia è un voler giocare con le parole; proviamo a spostare i dirigenti di Aia dai loro comodi uffici ed a metterli a lavorare in gabbie spaziose e vediamo se la cosa gli va bene.

Un assaggio di un articolo de Il Fatto Alimentare del quale consiglio la lettura integrale in modo da leggere anche la risposta dell’azienda.

I conigli Aia, come tutti quelli allevati in Italia, in Germania e in Europa, non toccano mai terra perché nascono e crescono in gabbie.

Quelle utilizzate da Aia per la linea “Più Libero” sono chiamate “benessere”, “recinti” o “park” .

Si tratta di strutture più confortevoli che però non permettono l’accesso a terra per cui gli animali non toccano terra per l’intero ciclo di vita.

Per il consumatore il senso della frase “allevato a terra” riportata sull’etichetta è chiaro, e non corrisponde certo alle modalità adottate negli allevamenti.

Chi decide di acquistare questa carne e di pagare un prezzo maggiore, pensando di comprare carne di animali che razzolano sul terreno, viene ingannato.

Per questo motivo riteniamo che, anche se riconosciuta da ministeri e altre istituzioni, questa dicitura sia ingannevole.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: