Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: L’animale femmina

“Rosita ha ventisette anni, è di Salerno, ma si è trasferita a Padova per studiare. E’ l’amante di un uomo sposato da cui non pretende niente, e per mantenersi lavora in un supermercato; rimanere indietro con gli esami è inevitabile.

Un gesto di onestà compiuto alla vigilia di Natale la porta a conoscere l’anziano avvocato Ludovico Lepore, che prende a cuore il suo caso e la assume come segretaria part time perché lei possa avere più soldi e più tempo per l’università.

In realtà, l’enigmatico Lepore ha un disegno per Rosita: vuole farne uno strumento con cui affrontare un antico dolore mai metabolizzato. Per plasmarla la tormenta con i suoi discorsi misogini, esercita su di lei un potere sottile.

Rosita lo subisce, ma sarà proprio dentro questa relazione morbosa che, paradossalmente, prenderà coscienza di sé, ribaltando il gioco di potere nel quale sembrava incastrata.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 agosto 2018 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: