Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Che tu sia per me il coltello

Testi & foto di Mikychica.lettrice 

Sono arrabbiata! Direi nera, per questo tremendo romanzo. Raccontato interamente in forma epistolare Lui, Yair, un uomo strano, ambiguo, a tratti perverso.

I tre quarti del libro incentrati sulle sue lettere per questa Miriam; non mi sono piaciuti per nulla!

Poi arriviamo verso la fine e c’è lei che scrive un diario, che ricopia le sue lettere, che racconta la sua vita con un figlio malato ( forse schizofrenico ) e mi piace mi prende il suo racconto, quel po’ che c’è di lei lo divoro.

Arrivo al culmine quando i due si telefonano e … non posso dire altro … ma sono triste per questo finale inatteso!

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25 maggio 2019 da in L'angolo dei libri - le nostre recensioni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: