Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Agatha Raisin e la strega di Wyckhadden

di M.C. Beaton

Astoria – Pagg.  227 – € 15,00

 

Trama: Ritrovatasi mezza calva per colpa della precedente avventura, Agatha fugge a Wyckhadden, località turistica resa però terribilmente malinconica da un freddo pungente e una pioggia incessante.

Una strega locale le fa provare un tonico che in modo quasi miracoloso fa ricrescere i suoi folti capelli e sembra quindi che Agatha possa finalmente rilassarsi e accettare la corte di un poliziotto locale. Ma la strega viene trovata morta, uccisa a randellate.

Che fare? Per una volta Agatha non è determinata a intervenire, ma la strana compagnia di anziani che stabilmente vive nel vecchio albergo ormai un po’ decadente in cui soggiorna Agatha svela a poco a poco tali e tanti segreti e possibili motivi di vendetta che la nostra aspirante investigatrice proprio non ce la fa a star ferma.

Tra un ballo con l’ispettore Jimmy Jessop e una chiacchiera indiscreta con qualche compagno d’albergo, Agatha metterà a repentaglio la propria vita…

Letto da: Paolo

Opinione personale: Questo è il 10° libro che leggo della Serie “Agatha Raisin” e vale quanto già detto in precedenza ovvero che è meglio rispettare l’ordine cronologico dato che nelle storie successive si trova sempre un pezzetto di quelle precedenti.

Anche in questo caso lo schema è sempre uguale a se stesso e potrebbe venire a noia, così come con i comportamenti adolescenziali di Agatha quando si parla di amore (o presunto tale), tanto più se abbinati ad un pessimo carattere che nel tempo ha smussato alcuni spigoli, ma non abbastanza.

La storia in sè, con Agatha che perlomeno inizialmente cerca di tenersi fuori dai guai, è una novità, ma non è una novità la sua totale incapacità a rapportarsi con gli uomini, in campo amoroso, e quindi ecco l’alternanza di comportamenti discutibili e patemi d’animo.

Come (quasi) sempre una lettura piacevole, leggere e divertente che la porta ad un giudizio Buono, proprio per la piacevolezza di lettura.

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 agosto 2019 da in L'angolo dei libri - le nostre recensioni con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: