Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Trance. Autobiografia di un lettore

«Scopre molto presto che non c’è niente che gli interessi più di leggere. Legge tutto quello che può, quello che trova. Legge anche quello che non capisce».

Così si apre «Trance», il libro che Alan Pauls dedica esclusivamente alla narrazione della propria storia di lettore.

Affidandosi alla terza persona, l’autore gioca con i generi creando un glossario – sull’esempio del Roland Barthes di «Frammenti di un discorso amoroso» – che è al tempo stesso di spunto romanzesco: la storia di una passione compulsiva, ostinata, smisurata.

Per il narratore, leggere non è che un vizio, una pratica militante e febbrile della quale non può fare a meno: a tutti gli effetti una dipendenza.

Ogni voce del glossario ci svela, in ordine cronologico-sentimentale, una delle tante manie del lettore protagonista, o uno scrittore che gli sta particolarmente a cuore, o un libro che ha segnato irrimediabilmente il suo percorso: da Proust, a Bolaño, allo strutturalismo; dalla meraviglia di far innamorare una ragazza leggendole qualche pagina, alla passione per i viaggi in aereo dove – confinato in uno spazio microscopico per ore, privo di distrazioni – l’autore trova il suo habitat naturale per dedicarsi alla lettura.

Pauls in questo libro ci appare non solo in veste di scrittore, ma come un lettore in stato di trance che trova nella scrittura l’occasione di poter continuare a leggere per sempre.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 7 agosto 2019 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: