Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: La caduta delle consonanti intervocaliche

Testi & Foto di Loredana_sq18

Un flusso di coscienza,
una malinconia di fondo che rapisce
e, nell’ordine:
la vecchiaia
la vanità
i ricordi
le illusioni e le delusioni
le bugie dette a se stessi
le verità nascoste agli altri
gli eventi, i fallimenti
i rimorsi e i rimpianti.

E un abilissimo montaggio di piani temporali, stili, toni, giochi di parole: la Letteratura e la filologia sono il terreno privilegiato in cui Heliseu, il professore, esercita la memoria e le sue capacità di autoinganno.

Ma le vere, assolute protagoniste qui sono le parole e la bellezza di questo romanzo è racchiusa proprio nel linguaggio: ironico, arguto, evocativo, ipnotico.

Qui le metafore sono traslochi e l’ autore le utilizza per consegnarci un pirotecnico romanzo sulla difficoltà di mantenerci sempre all’ altezza di noi stessi, di mettere ordine in un passato che sfugge ad ogni programma di controllo postumo.

E tu, lettore, dall’ esterno lo segui, passo passo, con discrezione.
E con la convinzioe che, anche per te, la vita non sia altro che
“un desiderio diffuso”.

👑 Bellissimo

( parole…così ho imparato a comporle, scomporle, ricomporle ed usarle sulla OLIVETTI Lettera35 di 🌹papà)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: