Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Soldato d’inverno

Vienna, 1914. Lucius è uno studente di medicina di ventidue anni quando la Prima guerra mondiale esplode in tutta Europa. Animato da improbabili e romantiche idee di chirurgia sul campo di battaglia, Lucius si arruola nell’esercito, aspettandosi una posizione in un ospedale da campo ben organizzato.

Invece viene inviato nella remota valle dei Monti Carpazi, dove trova ad attenderlo un avamposto gelido e devastato dal tifo. Gli altri dottori sono fuggiti e rimane solo una misteriosa infermiera di nome Sorella Margarete. Lucius non ha mai tenuto in mano un bisturi.

Mentre la guerra imperversa e la neve imbianca il paesaggio, si ritrova, contro ogni aspettativa, a innamorarsi della donna da cui deve imparare una medicina brutale e improvvisata. Poi, un giorno, gli viene portato un soldato privo di sensi, trovato mezzo congelato tra la neve, l’uniforme piena di strani disegni.

L’uomo sembra destinato a morte certa, ma Lucius prenderà una decisione fatale, destinata a cambiare per sempre la vita di medico, paziente e infermiera.

Dalle dorate sale da ballo della Vienna imperiale alle foreste ghiacciate del fronte orientale; dalle improvvisate sale operatorie ai campi di battaglia battuti dalla cavalleria cosacca, Il soldato d’inverno è un romanzo di amore e guerra, degli errori che commettiamo e delle preziose opportunità di espiarli.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 luglio 2020 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: