Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Il figlio dell’esploratore

All’alba del 10 luglio 2014, il ventisettenne Cody Dial, figlio dello scienziato ed esploratore Roman Dial, si inoltrò nel Corcovado National Park, una foresta pluviale costaricana perlopiù inesplorata, nascondiglio di bracconieri e trafficanti di droga.

Con sé aveva un machete e lo zaino; prima di partire inviò un’email al padre in cui spiegava che avrebbe compiuto un trekking di quattro giorni off-trail , al di fuori di qualsiasi pista tracciata. Fu l’ultima notizia che la famiglia ricevette da Cody…

Senza più notizie dal figlio, Roman partì immediatamente per il Corcovado National Park, cercando informazioni da chiunque potesse sapere qualcosa, trafficanti compresi, e interrogandosi costantemente sulla sua responsabilità di padre e modello nei confronti di un figlio deciso a seguirne le orme.

La ricerca durò due anni, due anni in cui la speranza lasciò progressivamente il posto alla certezza di poter trovare solo i resti di Cody.

Narrato come una detective story ambientata in uno dei luoghi più selvaggi e splendidi del pianeta, questo libro è un viaggio di scoperta interiore per capire se stessi e le persone che amiamo di più al mondo, un racconto drammatico nella tradizione di “Nelle terre estreme”.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 novembre 2020 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , .
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: