Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Il gioco delle parole

“Tutto inizia per gioco. Vedo su Facebook un gruppo che gioca con la scrittura: ogni settimana gli amministratori propongono due parole (nel libro evidenziate in grassetto) e su queste i partecipanti devono costruire un testo di 400 caratteri esatti, spazi compresi.

La cosa mi diverte e decido di inanellare un piccolo giallo: ogni settimana scrivo la mia puntata.

È un intrigo internazionale che ruota intorno a una multinazionale che smaltisce in maniera poco ortodossa prodotti per l’irrigazione, avvelenando i campi.

Una donna dell’alta finanza e un investigatore si incontrano e si innamorano, ma il loro ruolo nella vicenda non è decisamente coerente. In più persone corrotte e malintenzionati violenti rendono tutto più complesso.

“Il gioco di parole” è e resta davvero un gioco, senza alcuna dignità o decenza di racconto, tanto meno giallo. Ma mi sono divertito e mi piace condividerlo.

I modesti ricavi sono andati tutti in beneficienza; per arricchire il piatto ho regalato diverse copie a qualche centinaio di persone della mia mailing list.

Con questo “auto acquisto”, al quale aggiungerò le royalties trattenute da Amazon ed i proventi delle copie acquistate in autonomie da altre persone, darò un piccolo contributo all’ospedale CV19 di Bergamo, costruito dagli Alpini e gestito da Emergency.” (Lauro Venturi)

Lo puoi comprare QUI 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 2 novembre 2020 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: