Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Io non mi tingo ovvero…

Partendo dal titolo di un libro di Anne Kreamer, del quale pubblico una sintesi in calce, negli ultimi mesi si parla con Ro-K della sua decisione di non tingersi più i capelli e lasciarli crescere grigi.

A me ovviamente va benissimo, perchè io amo mia moglie, non il colore dei suoi capelli. Un paio di domande sorgono però spontanee anche se difficilmente sarà un ometto a farle.

Perchè un uomo ha le rughe d’espressione ed una donna le rughe e basta? Perchè l’uomo brizzolato diventa interessante e la donna vecchia? Ho scoperto l’acqua calda forse?

Sarà, tuttavia non mi spiego perchè vi siano ancora così tante donne legate alla tintura, spesso di un colore improponibile o platealmente fasullo. Oltre la cinquantina, poi, assistiamo ad un dilagare del colore rosso menopausa, affiancato dall’audace pel di carota fluo per finire a quello che la Fiat chiamerebbe nero ebano metallizzato. Si bello, ma solo sul cofano di una Punto Abarth.

A questo punto gradirei il parere delle Bloggers ovvero chi si tinge, come e perchè e se avete mai pensato di non farlo. Come dicevo, vi copio il succo del libro di cui sopra.

Il libro: Io non mi tingo.

Anne Kreamer, dopo un weekend con le amiche e la figlia, si rivede in una fotografia e i capelli tinti che aveva sempre creduto la ringiovanissero d’un tratto le appaiono fintissimi.

Vedersi con gli occhi degli altri cambia, in un istante e per sempre, l’immagine che Anne ha di sé. Da quel momento cerca di trovare il coraggio di smettere. Smettere di tingersi, come si smette di fumare.

Decisa a riscoprire una dimensione più autentica, si trova a sfidare luoghi comuni e illusioni collettive create ad arte dal mercato. Una donna di mezz’età coi capelli grigi può essere attraente? Verrà discriminata nel mondo del lavoro? E qual è il prezzo della finzione?

Abbandonati anni di spese folli dal parrucchiere (un quarto di secolo al ritmo di una seduta ogni tre settimane), Anne Kreamer fa i conti in tasca alle donne americane ed europee; invita alla discussione le amiche – fra cui Nora Ephron e Mireille Guiliano (autrici rispettivamente di II collo mi fa impazzire e Le francesi non ingrassano) – e cerca di scoprire il segreto del fascino delle bianche, delle grigie, delle sale-e-pepe; analizza gli imperativi della generazione precedente e l’attuale fissazione per i capelli tinti; fruga tra le statistiche; organizza un sondaggio; si rivolge a consulenti d’immagine e risponde agli annunci per cuori solitari in versione tinta e in versione naturale.

Spugna ci dice che: Caro Paolo, cadi proprio a FAGIUOLO! Sabato sera quella tramortita e rintronata di mia cognata parlava appunto:  Uomini con i capelli bianchi sì, ma le donne, PER CARITA’. Ovviamente parla perché ha la coda di paglia.  Io sono una sostenitrice delle rughe quelle vere, d’espressione, di carattere, quelle che hanno carisma,insomma le rughe femminili che il gentil sesso continua a combattere, spendendo un sacco di soldi che potrebbero essere investiti in sano e convulsivo shopping sfrenato.

Per quanto riguarda i capelli, a 36 anni di bianchi non ne ho.Però quando arriverà il primo lo accoglierò volentieri a bordo! Le mie amiche si tingono tutte. Anche quelle giovani con qualche filo argenteo…..vabbbbbè.

P.S. E il rosso ciliegia dove lo mettiamo ?????????

Ele di Siena: ho i capelli bianchi da quando avevo 20 anni e gioco forza a quell’età, se non li tingi sei additata da tutti ed esclusa socialmente dal mondo dei “giovani”; il fatto di schiarirli da così tanto tempo mi ha abituata a vedermi bionda ed adesso non riesco a vedermi in altro colore.

Devo dire che la mia parrucchiera è famosa in tutta Siena per fare i colori talmente naturali che sembrano davvero reali, quindi il mio biondo è con colpi di sole più chiari ed è un biondo caldissimo, non quei bianchi o quei gialli davvero innaturali.

Personalmente credo che sia molto ingiusto il fatto di discriminare così tanto le donne con i capelli bianchi quando invece si dice che nell’uomo fanno fascino, ma la colpa è come al solito nostra, delle donne, perchè se avessimo abituato la società a vederci con i nostri capelli bianchi, con i nostri peli nelle gambe e sotto le ascelle, nessuno avrebbe mai avuto nulla da ridire, invece questa cosa dei peli e dei capelli bianchi ci da insicurezza ed è per questo che ce li tingiamo e ci depiliamo.

Apprezzo molto le donne che hanno talmente sicurezza di sè da fregarsene di questi luoghi comuni che ci fanno schiave di abitudini e vorrei riuscire a farlo anche io, ma per adesso non ce la faccio; lascio i peli sotto le ascelle perchè ne ho davvero pochissimi e non mi danno alcun fastidio estetico, ma per i peli nelle gambe ed i capelli, ancora non sono in grado di essere naturale. Baci a tutte le bianche !!!!

Robbie: Premetto che io ho i capelli bianchi da quando avevo trent’anni. Sinceramente non mi interessa di cosa può pensare la gente se dovesse vedermi coi capelli grigi. Diciamo che a me piace tingermeli, ma perchè mi piaccio io. Biondina e comunque l’importante e’ averli in ordine, come del resto tutto il viso.

Poppea: Sono d’accordo, ma vedi mia madre che ha iniziato in età avanzata ad avere i capelli grigi non li ha mai tinti e va benissimo, io al contrario ho iniziato presto e ho dovuto tingerli per forza perchè in contrasto col mio aspetto.

Ora è più difficile non tingerli perchè si dovrebbe passare una brutta fase di ricrescita a meno che una non decida di farli cortissimi, perchè i capelli bianchi possono avere un fascino ma vanno portati rigorosamente molto corti.

Luisa: Come hai ben potuto notare non sono una maniaca dell’apparire, spesso e volentieri gironzolo con tuta e scarpe da ginnastica, ma una cosa che non riuscirei proprio ad evitare è di tingere i capelli così come curare le mani.

Non lo faccio molto spesso perchè grazie a Dio non ho ancora una forte necessità, ma per me è indispensabile. Non nego che portare i capelli grigi non è da tutte, bisogna avere una personalità particolare e soprattutto portarli corti corti, allora si che stanno bene!!

Ovvio che li tingo del mio colore, non riuscirei a portarli rosso rame o simili, ne tanto meno biondo platino.  Purtroppo ci sono donne che non vogliono accettare il fatto di invecchiare, e cercano (in maniera ridicola) di rimanere giovani, vestendosi e truccandosi come delle 20enni.

Il fascino di una donna dai 40 anni in su è, secondo me, quanto di meglio un uomo possa notare!!

Un commento su “Io non mi tingo ovvero…

  1. Pingback: 8 tinture per capelli alla prova « Paoblog

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 settembre 2008 da in Pensieri, parole, idee ed opinioni con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: