Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

I Comuni ed i soldi delle multe

Paoblog: Sono certo, anche a seguito di inchieste giornalistiche lette altrove, che i soldi incassati dalle multe siano arbitrariamente utilizzati per scopi diversi da quelli previsti dalla legge ovvero che siano investiti nella sicurezza stradale.

Considerando che l’insicurezza stradale genera incidenti, certo, ma anche multe, vien da chiedersi se la prevenzione e la messa in sicurezza delle strade sia un obiettivo reale per gli amministratori comunali.

Tralasciando poi le multe legate a semafori truffaldini oppure ad autovelox piazzati ad arte in prossimità di limiti impostati in modo tale da rendere molto difficile non essere multati, resta il fatto che gli automobilisti italiani sono indisciplinati, per cui molte multe potrebbero essere evitate con un’attenta condotta di guida.

Negli ultimi 10 anni ho preso 1 multa per transito in ZTL, fatto in buona fede anche a causa della selva di cartelli da leggere in 2 secondi e senza che poi si sia la possibilità di fermarsi e fare inversione quando si capisce di avere sbagliato.

A proposito di segnaletica e visibilità: https://paoblog.wordpress.com/2009/05/07/multe-sulle-corsie-riservate-maxiannullamento/

Anche se poi anche la segnaletica chiara viene ignorata dai soliti furbetti (con la complicità di chi deve vigilare, perchè non posso credere che nessuno abbia notato la cosa): https://paoblog.wordpress.com/2009/07/19/cavalcavia-monte-ceneri-transito-vietato-alle-moto/

°°°

Articolo correlato > http://mauriziocaprino.blog.ilsole24ore.com/2010/01/i-comuni-mangiasoldi-e-le-esagerazioni-giornalistiche.html

°°°

I Comuni italiani fanno cassa con le multe stradali, che fruttano di più delle addizionali Irpef. Il risultato è che gli italiani pagano una vera e propria tassa occulta. È quanto emerge da un’indagine condotta dall’Adnkronos consultando i bilanci dei Comuni italiani. Nel 2008 sono state fatte 12,6 milioni di multe, 1.427 all’ora e 24 al minuto. Ogni italiano munito di patente ha pagato in media 76 euro mentre ogni vigile ha compilato verbali per 43 mila euro.

Le entrate per le infrazioni degli automobilisti sono infatti una voce irrinunciabile per far quadrare i conti e le amministrazioni comunali indicano in bella evidenza il gettito previsto per i prossimi esercizi nei bilanci di previsione. Una cifra crescente che viene stimata tenendo conto delle entrate degli anni precedenti e, soprattutto, delle voci di spesa da compensare.

Il Comune di Verona, per esempio, dalla vo­ce «sanzioni al codice della stra­da» conta di in­cassare quest’anno 13,2 milioni di euro contro i 10 milioni del 2009. Il Comune di Salerno prevede un aumento del gettito delle multe che pas­sa dagli 11 milioni del 2009 ai 15 milioni del 2010. E la tendenza rimane inalterata se, invece dei Comuni più grandi, si prendono in considerazione quelli minori.

Il meccanismo favorisce evidenti forzature. Se al 30 giugno le multe incassate sono inferiori alla cifra indicata nei bilanci di previsione, nella seconda parte dell’anno si trova il modo di «far quadrare i bilanci». In tutti i bilanci dei principali Comuni italiani, andando a scomporre il flusso delle entrate da sanzione del codice della strada, si evidenzia un aumento consistente delle multe comminate nella seconda parte dell’anno.

L’articolo 208 del Codice della strada prevede che i proventi delle multe vadano reinvestiti in attività a favore della sicurezza e della prevezione degli incidenti stradali. Una prescrizione che viene spesso disattesa. Come evidenzia uno studio della Fondazione Caracciolo dell’Aci sui piccoli Comuni e polizie locali: «il 50% dei Comuni non utilizza le risorse derivanti da suddetti proventi come previsto per legge». Altrettanto evidente è la mancata applicazione della direttiva Maroni del 14 agosto 2009, che impone di installare gli autovelox su strade ad alto rischio di incidenti.

Cresce anche il rischio di truffe ai danni degli automobilisti. Come nel caso dei sensori collocati sui semafori: la Cassazione con una sentenza del 30 ottobre 2009 ha dichiarato nulle le multe in caso di assenza del vigile urbano. Ma i verbali continuano ad arrivare. Basta aver oltrepassato un incrocio con il rosso scattato da 4 decimi di secondo su una strada congestionata con la circolazione che procede a passo d’uomo, per subire una multa di 160 euro e la decurtazione di 6 punti sulla patente.

Dal 1° gennaio 2009 sono aumentati gli importi previsti per violazione del Codice della stada:
– divieto di sosta da 36 a 38 euro
– divieto sosta con pericolo da 74 a 78 euro
– eccesso di velocità fino a 10 km/ora da 36 a 38 euro
– eccesso di velocità tra 11 e 40 km/ora da 148 a 155 euro
– mancato uso cinture sicurezza o seggiolini da 148 a 155 euro
– sorpasso vietato semplice da 70 a 74 euro
– sorpasso vietato con pericolo da 143 a 150 euro
– sorpasso vietato con veicoli pesanti da 281 a 295 euro
– passare col semaforo rosso da 143 a 150 euro
– violazione generica della segnaletica da 36 a 38 euro
– mancata precedenza a incroci da 143 a 150 euro
– guida in stato ebbrezza da 500 a 12 mila euro
– guida sotto effetto stupefacenti da 1.500 a 12 mila euro.

(fonte: Adnkronos)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: