Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Gli italiani, in massa verso la sinistra…

pensieri paroleNon fatevi fuorviare dal titolo, non è un post politico. Mi riferisco alla ormai consolidata abitudine degli automobilisti italiani di tenere la sinistra.

In questo caso non intendo i soliti fessi che viaggiano nella seconda corsia (o nella 3a o 4a ove disponibile) in autostrada, bensì alle auto che si incontrano quotidianamente in ambito urbano ed extraurbano.

In alcune vie milanesi, penso a Viale Monza come a Viale Jenner, si è praticamente obbligati a tenere  la sinistra a causa di un’altra categoria di fessi ovvero quelli che parcheggiano abitualmente in doppia fila; tenere la destra ti costringe ad un impossibile zig-zag, sulla lunga pericoloso, senza contare che il percorso diventa un continuo frenare ed accelerare, con buona pace del tuo tentativo di guidare con intelligenza e quindi in maniera fluida, come prevede l’Ecodrive o Ecoguida.

E’ più difficile però capire dove sia la logica, quando ogni mattina sul cavalcavia di viale Monte Ceneri, vedi una fila di auto che viaggia a sinistra, spesso ad una velocità di 40-50 kmh, quindi inferiore al limite di velocità di 70 kmh (controllato da alcune postazioni con macchina fotografica) per cui grazie alla velocità maggiore sarebbe possibile velocizzare il transito, migliorando la scorrevolezza del traffico.

Invece no. Tu prosegui la tua marcia a 60-65 kmh. sulla destra e di fatto superi la fila di auto sulla sinistra, fermo restando che spesso alcuni hanno una guida non proprio lineare ed allora la prudenza ti costringe ad adeguarti alla loro velocità ed ecco che il traffico da scorrevole ridiventa a lumaca.

Senza contare che la ZTL è solo teorica, visto che lì passa di tutto; qualche bici, moto e scooter che procedono in velocità, a zig-zag, sino agli autocarri. Il tutto sotto lo sguardo indifferente dei vigili, beninteso.

Quando siamo in vicinanza di una rotatoria poi, sia in ambito urbano che extraurbano, ecco che tutti la impegnano restando a sinistra, per evitare l’eventuale fila, salvo poi buttarsi sulla destra, senza segnalare e tagliandoti la strada in maniera netta e pericolosa.

Qualche volta non trovano lo spazio per la manovra e si bloccano in mezzo alla rotonda, bloccando così la marcia agli automobilisti che ovviamente devono percorrere in parte la rotatoria.

10 commenti su “Gli italiani, in massa verso la sinistra…

  1. Pingback: La segnaletica intelligente su gallerie e grandi autostrade è ancora incompresa | Paoblog

  2. Pingback: In Svizzera 3 anni per la patente? Forse hanno ragione loro… « Paoblog

  3. Pingback: Ciclista per un giorno « Paoblog

  4. Pingback: Viaggi in mezzo all’autostrada? Tempi grami in arrivo, per te… « Paoblog

  5. Pingback: Schiacciati dai tir non c’è crash test che tenga « Paoblog

  6. Pingback: Le vacanze 2011 sulle strade ovvero… « Paoblog

  7. Pingback: In mezzo all’autostrada con papà… « Paoblog

  8. Pingback: Ostaggi della Statale 11 « Paoblog

  9. Pingback: Milano reinventa la segnaletica stradale « Paoblog

  10. Pingback: Gli istruttori di scuola guida e le cinture di sicurezza « Paoblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: