Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Exxon-Rosneft, un accordo per spartirsi il tesoro del Nord

leggo su Lettera 43

Exxon e Rosneft esploreranno il sottosuolo del Circolo polare artico alla ricerca di petrolio. La corsa all’oro nero supera così una delle poche frontiere ancora inesplorate con i due colossi energetici che hanno firmato un’intesa che prevede investimenti fino a 500 miliardi di dollari.

L’importanza dell’accordo va ben al di là degli effetti economici a breve termine e dei rapporti tra i due Paesi. L’estremo Nord del pianeta è infatti diventato la nuova area su cui puntare per la ricerca del petrolio, almeno per tre motivi.

Innanzitutto, le tensioni in Medio oriente e Maghreb hanno reso meno affidabili quei mercati. La tragedia ecologica della Deep Horizon ha reso più costose le trivellazioni negli Usa e i per il riavvio a regime dei pozzi iracheni bisognerà aspettare ancora molto tempo.

Per questo, già da mesi, la maggiori imprese petrolifere cercavano l’intesa con La Rosneft. La prima è stata la British petroleum, poi ci ha provato Chevron, alla fine, però, l’ha spuntata la Exxon….

lettura integrale dell’articolo QUI

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 settembre 2011 da in Ambiente & Ecologia, Leggo & Pubblico con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: