Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Rissa con arresto dopo Roma – Siena

Tempo fa Maurizio Caprino nel suo Blog scriveva della mancata percezione da parte dei cittadini dei rischi e dell’impegno che mettono nel loro lavoro i vigili urbani, che non è solo quello di dare multe o ciondolare nei bar.

Oggi Francesco mi scrive di una rissa con arresto vista ieri sotto casa, nel dopo partita.

Sull’edizione romana di Repubblica si racconta un’altra verità, non sono qui a dire chi ha ragione, chi torto, ma ricordo qualche anno fa in occasione di un corteo a Milano vedere due vigili correre a perdifiato inseguiti da una massa di gente urlante, con bastoni, e caschi… la loro colpa, probabilmente era quella di indossare una divisa e di essere al servizio dei cittadini.

Talvolta le Forze dell’Ordine rompono un pò, capita di essere vittime di abusi di potere o di qualcuno che non fa il suo lavoro come si deve, ma quando siamo in una situazione di emergenza, ci ricordiamo tutti di fare il 113… salvo poiurlare allo stadio Che mestiere di M fare il carabiniere….

°°°

Non mi riferisco al caso nello specifico, sia chiaro, parlo in senso generale, tuttavia così come è giusto testimoniare sui fatti, credo sia il caso di raccontare senza interpretare, cosa questa che spesso accade.

Tempo fa leggevo che spesso le testimonianze oculari sono vanificate dall’interpretazione dei fatti che fa il testimone…

Spesso i tifosi delle due squadre in campo, tanto per restare in tema, vedono con occhi diversi la stessa azione, lo stesso fallo… ma i pregiudizi spesso alterano la percezione dei fatti…

°°°

Aggiornamento del 25 settembre: Sabato sera ho sentito al TG che la testimone ha ritrattato ovvero ha ammesso di avere visto solo la fase finale dell’accaduto, dando una sua interpretazione a quello che, in realtà, non aveva visto.

I fatti sono ben diversi, come racconta Il Tempo:

Non ha mandato giù il pareggio della sua squadra del cuore con il Siena. Un tifoso della Roma, in preda ai fumi dell’alcol, appena ha potuto si è sfogato con un passante a pochi metri dello stadio Olimpico. A perdere le staffe un diciottenne, con precedenti per rissa, che l’altra sera ha cominciato a insultare un uomo che stava passeggiando con il suo cane.

Appena gli uomini in divisa si sono avvicinati, è cominciata una vera e propria rissa. A dare il via, secondo quanto affermato dallo stesso giovane davanti al giudice durante il processo per direttissima, è stato lo stesso ragazzo, che non ha perso tempo sferrando pugni al volto dell’agente della Polizia Roma Capitale.

Sia un vigile urbano sia il giovane sono stati trasportati in ospedale. Il primo ha avuto dieci giorni di prognosi, il secondo, invece, è risultato positivo al test dell’alcol: dal sangue è risultato un valore quasi triplicato rispetto ai limiti di legge. Il 18enne è stato anche denunciato per guida senza patente.

°°°

Torniamo in tema e leggiamo il racconto di Francesco:

Ieri ho assistito a una rissa con arresto (almeno uno, non so se di più) nel dopo-partita Roma-Siena.

Essendoci molto traffico attorno a casa mia già alle 18, non avendo trovato parcheggio sotto casa, senza stare a perdere tempo nel tentativo se ne liberasse uno a girare tra le auto già in colonna, sono andato diretto in una zona tranquilla verso il lungotevere a qualche centinaio di metri da casa dove, infatti, ho trovato subito un posto.

Mi sono detto: poi, finita la partita, lascio passare qualche decina di minuti che il traffico del dopo-gara si affievolisca e che si liberino un po’ di posti, la vado a riprendere e la porto sotto casa.

Un 15-20 minuti dopo la fine della partita, mi apprestavo a uscire quando sento urla sempre più concitate (inizialmente non vi avevo dato importanza: dunque non so cosa abbia innescato la situazione) sia femminili che maschili.

Degenera in una vera lite. Mi affaccio alla finestra: all’incrocio sotto casa il traffico è completamente in tilt, mai visto così. Decine di auto e decine e decine di motorini bloccati. Perché gli agenti della Municipale erano dovuti intervenire a sedare una rissa proprio all’incrocio, distraendosi dal regolare lo scorrere del traffico. Inoltre varie moto della Municipale (pardon: Polizia Roma Capitale) intervenute in soccorso degli altri colleghi bloccavano l’incrocio.

Poi sono accorse due Punto sempre della Polizia Roma Capitale e su una di queste ho visto caricarvi un ragazzo alto in maglietta bianca (forse della Roma) con le mani ammanettate dietro e la Punto è poi partita sgommando. Intanto la rissa proseguiva tra urla con gli agenti che tentavano di sedare la cosa.

Sono quindi intervenute tre volanti della Polizia di Stato. Sono sceso per andare a recuperare la macchina e la cosa era ancora in essere, ma non mi sono voluto avvicinare. Quando sono ritornato era tutto finito, non c’erano più neppure volanti e agenti.

Non so se a innescare la cosa sia stato un diverbio tra differenti gruppi di ultrà fermi all’incrocio (d’altra parte ieri sono usciti dallo stadio particolarmente nervosi e agitati) oppure se un diverbio tra tifosi e agenti (tifosi ultrà che, lo sappiamo, non perdono occasione a dar addosso alla polizia).

Certo che io spesso critico gli agenti della Polizia Roma Capitale, ma in queste situazioni ci si rende conto che il loro è anche un lavoro difficile e che in certe situazioni mette loro a dura prova e a rischio: credo che se non arrivavano le tre volanti della Polizia di Stato non ce l’avrebbero fatta a sedare la cosa.

Il pullman della Roma, poi, è transitato sotto casa, scortato da una motocicletta della Polizia Roma Capitale e una auto dei carabinieri davanti, due blindati e un’altra auto dei carabinieri dietro, addirittura un’ora e mezzo dopo la fine della partita: segno di problemi all’uscita dallo stadio, evidentemente…

Un commento su “Rissa con arresto dopo Roma – Siena

  1. Poppea
    26 settembre 2011

    È un casino, io ti vorrei far veder cosa c’è al mattino lungo la passeggiata del pirgo a Civitavecchia(il mattino vado presto a camminare).

    Il luogo è carino, pieno di locali tipo quelli dell’isola tiberina a Roma ma in piccolo ovviamente. I ragazzi si ubriacano, litigano, tutte le sere c’’è un auto dei carabinieri o polizia che deve intervenire. Il mattino trovi bottiglie, cartacce, vomito, cagate in spiaggia e quelli dell’Etruria servizi (ditte di pulizie) che mandano imprecazioni a chi sporca, secondo me a ragione.

    Alcuni abitanti, specie persone anziane durante il periodo estivo sono costretti a trasferirsi altrove perchè il caro sindaco ha dato il permesso di fare baldoria fino alle 3 del mattino nei giorni di giovedì venerdì sabato e domenica e, a nulla sono serviti ricorsi e avvocati.

    Una signora che abita in zona e che spesso incontro a passeggio con i cani, mi ha riferito che sere fa’ c’era un gruppo di ragazzi che stava filmando due che scopavano in spiaggia.

    Purtroppo questa generazione di”mostri” l’hanno tirata fuori persone della nostra generazione perchè i genitori hanno circa la nostra stessa età

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 settembre 2011 da in Pensieri, parole, idee ed opinioni, Persone & Società con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: