Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Patente azzerata anche se la Motorizzazione non comunica i punti persi? E’ una violazione dei nostri diritti.

Scusate il titolo lungo, diverso da quello originale di Caprino, tuttavia era necessario per far capire al volo il problema.

A quanto scritto nell’articolo aggiungerei il fatto che, come raccontavo in un altro post, sarebbe possibile la verifica del saldo punti della patente su Il Portale dell’Automobilista; il condizionale è d’obbligo, perchè il saldo punti non è necessariamente quello reale, ma si riferisce ai dati comunicati dalle Forze di Polizia.

Ad esempio a mio padre (non è un pirata della strada, ma un certo incrocio di Milano può essere complicato da gestire…) sono stati tolti 6 punti per una violazione del giugno 2008, ma la registrazione è stata fatta nel marzo 2009. Successivamente ne ha persi altri 6, ma ancora oggi (ottobre 2011!) non risultano scaricati, per cui è indicato un saldo maggiore di quello reale.

°°°

un articolo di Maurizio Caprino

L’azzeramento dei punti patente è legittimo anche quando la Motorizzazione non comunica una delle decurtazioni che hanno contribuito a provocarlo.

Se avete la bontà di leggervi la sentenza con cui il Consiglio di Stato ha affermato questo, troverete pregevoli disquisizioni sulla patente e sulla sua controversa natura giuridica. Probabilmente queste disquisizioni vi convinceranno più di quelle contrarie che hanno fatto altri giudici.

Ma cozzano contro una difficoltà pratica: quando la comunicazione della decurtazione non arriva, si lede il diritto dell’interessato a iscriversi a un corso di recupero per cercare di evitare proprio l’azzeramento.

Infatti, il Dm Infrastrutture del 29 luglio 2003 che disciplina i corsi vieta di iscriversi fino a quando non si riceve comunicazione dell’avvenuta decurtazione (articolo 6, comma 1).

Giusta restrizione, per evitare che chi commette infrazioni gravi faccia incetta di corsi per cavarsela a poco prezzo: per quel tipo di violazioni, si perdono 10 punti, contro i sei (nove per gli autisti di mezzi pesanti) riguadagnabili con un corso, per cui in teoria sarebbe bastato frequentarne due per neutralizzare del tutto gli effetti della decurtazione.

Così all’epoca il ministro Pietro Lunardi fece mettere nel decreto anche il principio “una decurtazione, un solo corso” e stabilì che l’avvenuta perdita di punti andava dimostrata con la comunicazione.

E adesso chi lo dice al Consiglio di Stato?

Un commento su “Patente azzerata anche se la Motorizzazione non comunica i punti persi? E’ una violazione dei nostri diritti.

  1. Pingback: Quanti punti hai sulla patente? Zero?! « Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: