Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

In Svizzera 3 anni per la patente? Forse hanno ragione loro…

Questa mattina venendo in ufficio, sulla Statale mi sono trovato davanti un’utilitaria, con una piccola P sul lunotto  e così come ad ogni semaforo non era mai pronta alla ripartenza, quando doveva poi impegnare una rotonda mostrava subito la sua inesperienza e quindi l’indecisione.

Dato che nessuno è nato imparato 😉 sono paziente con i Principianti e sono rimasto tranquillo dietro di lei; tra l’altro è un dato di fatto che la crisi del lavoro unitamente con i costi della benzina e dell’auto in generale, abbiano portato ad una notevole riduzione del traffico sulle strade, per cui fare una decina di chilometri a velocità più basse di quelle che potremmo fare (sempre nel rispetto del codice) non fa male e sicuramente fa risparmiare carburante.

Però ad un certo punto dall’indecisione si arriva alla cazzata (scusate) figlia dell’illogicità prima ancora che dell’inesperienza. Illogicità che peraltro domina le azioni della maggioranza degli automobilisti.

Stiamo percorrendo un tratto di strada a due corsie che sfocerà poi in una piccola rotonda, che può essere impegnata solo da una macchina alla volta (non si può restare affiancati), ma all’uscita le corsie diventano tre.

Quella più a destra serve all’immissione di auto che arrivano da un’altra direzione, quella centrale perciò resta quella di riferimento per l’auto che esce dalla rotonda.

L’auto con la P impegna la seconda corsia, peraltro deserta dato che siamo le uniche due auto, ma questa volta la velocità è veramente troppo bassa, per cui metto la freccia, mi sposto ed accelero per fare il sorpasso.

Sorpresa. Senza segnalare e senza nessuna logica, ecco che l’auto con la P si sposta a sinistra, tagliandomi la strada ad 1 metro dal muso. Frenata, lampeggio, colpo di clacson ed a quel punto scatta un gesto eloquente con il braccio.

L’auto con la P rientra bruscamente (ha le mani sul volante nella posizione delle “12 meno 5”), io accelero nuovamente e mi allontano; colgo nello specchietto che mette la freccia a sinistra, giustamente, e si sposta sulla terza corsia, nonostante le altre due siano libere e, in piena coerenza, a bassa velocità.

Ed allora quanto leggevo ieri l’articolo di Maurizio Caprino assume una forma diversa e da quel che vedo sulle strade, vien da pensare che forse sarebbe quella la strada giusta.

Pur tralasciando certi neopatentati che si mangiano rapidamente tutti i punti patente (e la patente stessa), torno ancora una volta sulla P (principiante) che vedo sui lunotti delle auto.

Mi piacerebbe pensare che abbiano fatto la patente con un corso da 149 €, come quelli offerti online da alcune autoscuole perlomeno creative, però so bene che non è così.

Dato che la cattiva condotta di guida non dipende solo dal cattivo esempio, mi chiedo se il corso per acquisire la patente, così com’è, sia all’altezza dei tempi e del volume di traffico che troviamo sulle strade.

Scrive Caprino:  Se negli ultimi anni la Svizzera ha molto ridotto la mortalità su strada, un motivo c’è.

E non è il solito aumento dei controlli, visto che lì ce ne sono sempre stati molti e severi; il fatto è che in Svizzera è diventato più difficile prendere la patente e si fa un periodo di prova di tre anni. 

Non i tre anni di purgatorio a 100 all’ora (puramente teorici) che il Codice della strada italiano riserva ai neopatentati, ma un periodo nel quale è necessario studiare teoria e pratica della guida sicura.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: