Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Capsule con detersivo concentrato: più costose e più inquinanti

leggo su Altroconsumo

Introdurre una capsula già dosata nel cestello insieme al bucato è un modo veloce e comodo per fare la lavatrice. Stando a quello che dicono gli spot, poi, le eco-capsule consentono di ottenere un bucato perfetto e senza sprechi. Eppure, messe alla prova (abbiamo effettuato le nostre valutazioni sulla base delle dosi indicate dai singoli produttori), i vantaggi di queste capsule si riducono moltissimo.

Il pre-dosaggio non lascia possibilità intermedie. Se il carico di lavatrice fosse molto sporco oppure superiore ai 5-6 kg, una capsula potrebbe non bastare. Al contrario, se fosse inferiore bisognerebbe necessariamente ricorrere a un detersivo tradizionale, in polvere o liquido: una capsula intera, infatti sarebbe sprecata.

L’involucro, poi, si scioglie in acqua per cui bisogna fare attenzione: se si prendono con le mani umide possono rompersi e non sono più utilizzabili.

Come gli altri detersivi, meglio conservare le capsule in luoghi asciutti e tenerle lontane dai bambini (il contenuto è irritante). Se è vero che le capsule sono idrosolubili è anche vero che i residui si ritroveranno disciolti in acqua. Anche la confezione è poco amica dell’ambiente: si continua, infatti, a utilizzare un contenitore esterno in plastica al posto di quello in cartone riciclato, decisamente più ecologico.

Abbiamo confrontato il prezzo delle capsule con quello del detersivo liquido della stessa marca (il confronto è stato fatto per prezzo/dose). Le capsule sono dal 5% al 45% più costose dei detergenti liquidi.

Le eco-ricariche, al contrario delle eco-capsule, sono davvero amiche dell’ambiente.

Ma cosa sono? Alcuni produttori forniscono “ricariche” di detersivo liquido in sacchetti di plastica morbidi che vengono travasati nel flacone una volta a casa. In questo modo si evita la vendita di flaconi di plastica superflui e ingombranti e si riduce il peso e la quantità dei rifiuti.

Anche il detersivo alla spina è un’alternativa ecologica ed economica. Presso appositi distributori, infatti, è possibile scegliere il tipo e la quantità di detersivo desiderate. Il flacone utilizzato è sempre lo stesso con conseguente diminuzione della plastica in circolazione e dei rifiuti. Inoltre il risparmio economico può arrivare fino al 40%.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 ottobre 2012 da in Ambiente & Ecologia, Consumatori & Utenti, Leggo & Pubblico con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: