Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Le sigarette elettroniche sono tossiche?

Premesso che non essendo un fumatore non ho interessi a denigrare le sigarette elettroniche rispetto a quelle normali, pubblico in sintesi un articolo di Altroconsumo del quale consiglio ai fumatori la lettura integrale, perchè in ogni caso vi sono informazioni interessanti. Per conto mio, vi suggerirei di smettere di fumare, che risparmiate soldi e ci guadagnate in salute. 😉

° ° °

I controlli sulle sigarette elettroniche continuano a rilevare la presenza di sostanze cancerogene e irritanti per le vie respiratorie. Niente allarmi: queste sostanze sono sempre in numero e quantità inferiore rispetto al fumo tradizionale.

Allo stesso tempo, come puoi approfondire nella nostra indagine, gli effetti dell’inalazione ripetuta e in alte dosi delle sostanze contenute nei liquidi non è ancora stata studiata. Così come non è accertata la sua efficacia per smettere con il vizio.

L’Istituto nazionale del consumo francese ha pubblicato le analisi su 10 differenti liquidi di ricarica per e-cigarette e sono state individuate alcune sostanze tossiche: formaldeide (cancerogeno), acetaldeide (probabile cancerogeno), acroleina (sostanza irritante per le vie respiratorie) e metalli pesanti (nocivi per l’uomo). Si tratta di dati che confermano che le sigarette elettroniche non sono innocue, ma non sono una novità.

Ma come funziona esattamente la sigaretta elettronica?

Si tratta di un dispositivo elettronico che non contiene tabacco. Quando il fumatore aspira, il passaggio dell’aria attiva un sensore collegato a una resistenza a batteria. La resistenza si scalda e produce una miscela di vapore acqueo e particelle di glicerina, glicole propilenico e, se si vuole, anche nicotina e aromi.

sigaretta elettronica

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: