Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

MV Agusta Rivale – Luci dietro e targa invisibili: il design batte la sicurezza

Tempo fa mi chiesi se i progettisti provassero le auto per verificare se le scelte del design si abbinano alla sicurezza reale del conducente, ma anche degli altri automobilisti che troverà sul percorso; così come fece Francesco con le sue osservazioni sulle invisibili frecce dell’Alfa Romeo MiTo.

In questo articolo di Maurizio Caprino, però, le cose si complicano ulteriormente in quanto all’insicurezza di luci invisibili, si abbina un’altra domanda ovvero come è possibile omologare luci e targa di design, certo, ma la realtà con la quale ci si deve confrontare ogni giorno sulle strade è ben diversa.

* * *

Ma l’avete vista bene la nuova MV Agusta Rivale? Bellissima, ma mi sa che i designer hanno esagerato nel “pulire” il posteriore, a tutto scapito della sicurezza.

Hanno confinato targa e luci in basso, ancorate sul forcellone, aderenti così alla ruota posteriore. Risultato: quando piove la targa si sporca in un attimo per gli schizzi.

E gli indicatori di direzione sono in basso accanto alla targa, tanto in basso da andare sotto il ginocchio di una persona di altezza media.

main

Insomma, queste frecce sono praticamente invisibili al guidatore di un’auto (magari pure Suv) o di un mezzo pesante che arrivi da dietro. Soprattutto in città, dove stiamo tutti sempre uno sopra all’altro. Senza contare che i lampeggiatori sono del tipo a led con trasparente bianco, quindi meno visibile già di suo.

Sono vent’anni (ricordate la prima Fiat Punto?) che ci sono designer che si rompono la testa per portare i gruppi ottici più in alto possibile anche su vetture normali (non “da maniaci della sicurezza” come le Volvo) proprio per favorire la visibilità e incredibilmente qualcuno va ancora in senso del tutto contrario.

Peraltro su una moto, i cui occupanti sono ovviamente più a rischio che in un’auto, anche in caso di tamponamento.

Sembrano incredibili pure le norme di omologazione: da un lato hanno reso obbligatorio il terzo stop sulle vetture da metà anni Novanta e dall’altro consentono di circolare in moto con le luci posteriori così “imboscate”.

Un commento su “MV Agusta Rivale – Luci dietro e targa invisibili: il design batte la sicurezza

  1. Francesco
    14 gennaio 2014

    Vero… L’avevo supposto, vedendola.

    È strepitosamente bellissima, però a scapito di questi inconvenienti
    che mettono a rischio la sicurezza.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: