Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

I motori tedeschi? Evoluti, ma producono particolato anche a benzina

di Maurizio Caprino

Gli standard antinquinamento Euro 6 sono ormai alle porte: saranno obbligatori per le vetture di nuova omologazione dal prossimo autunno.

Così si comincia a parlarne un po’ più in dettaglio e qualcuno scopre con vera meraviglia che impongono limiti alle emissioni di particolato anche ai motori a benzina, finora considerati esenti dal problema delle polveri sottili. Quindi, saliranno i costi industriali e, almeno in parte, i prezzi.

In realtà, studi tedeschi hanno dimostrato che il problema esiste davvero. Però è limitato fondamentalmente ai motori a iniezione diretta, su cui hanno puntato molto proprio i costruttori tedeschi (oltre ai giapponesi, che li hanno lanciati con i GDI Mitsubishi nel 1997).

Per una volta, la superiorità tecnica dei tedeschi sembra ritorcersi contro loto stessi.

E noi italiani possiamo rivalutare la scelta Fiat di aver preferito il Multiair, che dal punto di vista di prestazioni e consumi non ha sfondato come invece ci si attendeva alla vigilia.

Un commento su “I motori tedeschi? Evoluti, ma producono particolato anche a benzina

  1. Roberto Ghizzi
    14 maggio 2014

    Questo fatto è noto da almeno 15 anni. Nei motori a iniezione diretta, la benzina entra nel cilindro come spray anzichè come vapore. La scarsa miscelazione aria – carburante favorisce la formazione di particolato (stesso meccanismo chimico fisico che avviene in qualsiasi motore diesel).

    Finora è stata puntata l’attenzione solo sui motori diesel solamente perchè più numerosi, trascurando i lati negativi dell’iniezione diretta di benzina (particolato e ossidi di azoto).

    La legislazione e l’opinione pubblica si sono accanite contro i diesel, ormai diventati ingiustamente il capro espiatorio dell’inquinamento atmosferico. L’unica soluzione è il filtro antiparticolato per i motori a iniezione diretta di benzina.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: