Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Etichette energetiche, MarketWatch smaschererà truffe e furbetti

Alla domanda posta all’inizio dell’articolo che leggo su Rinnovabili.it: Lo sapevi che almeno un elettrodomestico su cinque riporta sull’etichetta energetica una classe diversa da quella reale? ... io avrei risposto: solo uno su cinque?

Già nel 2011 e poi nel 2013 ho pubblicato articoli che attestavano le differenze riscontrate nelle etichette dei frigoriferi, naturalmente a danno del cosumatore.

A conferma che, parafrasando un altro detto, fatta la regola trovato il furbetto, è risaputo da tempo che le etichette energetiche degli elettromestici (ma anche quelle degli pneumatici) spesso non sono attendibili.

Forse sono stato fortunato con il nuovo frigorifero della Miele, visto che i nostri consumi energetici nel 2013 si sono ridotti del 22% rispetto al 2012.

* * *

Lo sapevi che almeno un elettrodomestico su cinque riporta sull’etichetta energetica una classe diversa da quella reale?

Un problema non indifferente se si considera l’attenzione che i consumatori stanno iniziando a mettere nel momento dell’acquisto di Tv, frigoriferi e altri elettrodomestici.

Per aiutare i cittadini a fare chiarezza è nata la campagna europea MarketWatch, frutto della collaborazione 16 organizzazioni in Europa, tra cui Legambiente con il supporto dell’associazione consumerista Movimento difesa del cittadino in Italia.

L’obiettivo di MarketWatch sarà infatti quello di  fare luce su produttori e rivenditori che non rispettano le direttive sull’Ecodesign e sull’Etichetta Energetica, privando, di conseguenza, i consumatori dei risparmi che avrebbero potuto ottenere se l’etichetta del prodotto avesse riportato i dati corretti.

Dati ufficiali  – ha dichiarato il responsabile della campagna Davide Sabbadin – indicano che i rivenditori (supermercati, catene specializzate, negozi ecc.) dimenticano di apporre l’etichetta su circa il 20% dei prodotti, che così arrivano senza indicazioni energetiche al consumatore, mentre un ulteriore 15% di elettrodomestici è etichettato in modo scorretto e in queste condizioni è molto difficile comparare e scegliere bene sia per le proprie tasche che per l’ambiente”.

Il fatto che prodotti non conformi alle due direttive riescano comunque ad arrivare sul mercato e nelle nostre case determina una perdita fino al 20% dei risparmi economici ottenibili e anche un enorme  di spreco di energia: circa 100 TWh all’anno,  che corrisponde al consumo domestico di tutta l’Europa orientale, e si traduce in bollette più alte per tutti.

La campagna – cofinanziata dall’Unione Europea nell’ambito del fondo Intelligence Energy Europe – esaminerà ogni anno 300 punti vendita negozi fisici, di cui 60 in Italia, per controllare le etichette di oltre 25.000 prodotti; a tutto ciò affiancheremo anche test approfonditi sugli elettrodomestici.

L’obiettivo è quello di recuperare almeno il 10% di quel mancato risparmio dovuto alla etichettatura scorretta per far risparmiare ai cittadini europei oltre un miliardo di euro l’anno in bolletta, pari a 9 TWh di corrente, che corrisponde all’intero consumo residenziale annuale di un paese come la Danimarca”.

Un commento su “Etichette energetiche, MarketWatch smaschererà truffe e furbetti

  1. Pingback: Etichetta energetica, un prodotto su tre riporta quella sbagliata | Paoblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: