Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Altera la targa per sfuggire alle multe, ma mette una lettera che non esiste…

di Maurizio Caprino

Un 65enne bolognese si è fatto beccare sulla E45 con la targa alterata, evidentemente per eludere i controlli automatici.

Sfortuna ha voluto che ogni tanto, spending review permettendo, qualche controllo su strada si faccia ancora e che una pattuglia dei Carabinieri si sia presa cura di notare un sorpasso scomposto.

Sono solo sfortune, in un Paese dove nelle città più grandi si riescono a fare due milioni di multe all’anno, di cui però solo 100-200 a chi trasporta bambini senza seggiolini (per troppi è molto più comodo punire di vieti di sosta o andare al traino dei controlli automatici).

O magari alla fine i militari hanno deciso di bloccare quell’automobilista perché temevano fosse un criminale, data la targa alterata.

Ma in questo caso era evidente che il 65enne sarebbe stato un criminale maldestro: l’alterazione consisteva nel modificare una “C” della targa facendola diventare “O”.

Una lettera che su una targa italiana non ci sarà mai: il Regolamento di esecuzione del Codice della strada (articolo 257, comma 2) la esclude – assieme ad altre lettere, più che in altri Paesi – per ovvie ragioni di confondibilità.

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 maggio 2014 da in Il mondo dell'automobile (e non solo), Leggo & Pubblico con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: