Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Scarica la Guida del MISE che ti aiuta a risparmiare CO2 e carburante

E’ sicuramente interessante poter verificare in un sol colpo i consumi di tutte le auto, se non fosse che ho controllato la Guida ed i consumi sono quelli omologati e non quelli reali, il che significa che tutti i controlli del caso, emissioni di CO2 comprese, sono falsati. A questo proposito guarda il video che trovi in calce all’articolo e leggi i vari post correlati.

Alla Smart benzina 62 Kw (84 Cv) viene attribuito un consumo sul misto di 4,9 lt/100 km. che però io non mai visto in 7 anni (e 103.000 km.) di rilevazioni reali.

consumi smart

* * *

Quanta CO2 emette la tua auto? E come fare perché consumi meno carburante e di conseguenza rilasci meno emissioni?

A queste e altre domande risponde oggi l’edizione 2014 della Guida al risparmio di carburante e alle emissioni di anidride carbonica delle autovetture, il manuale redatto annualmente dal MISE.

Proseguendo il lavoro avviato negli anni precedenti, la Guida aggiorna le sue informazioni per rendere disponibili al consumatore i dati su consumi ed emissioni di ogni modello di auto in vendita, da quelli a benzina e gasolio, a quelli a metano o dotati di propulsione elettrica, passando per i mezzi a trazione ibrida e a bifuel.

Per ogni autovettura, identificata anche per carrozzeria, tipo di propulsione e cambio, nonché cilindrata, vengono riportati i dati relativi all’anidride carbonica immessa in atmosfera e ai consumi di carburante, calcolati secondo gli “standard” previsti dalla normativa europea, basata su tre cicli di prova: urbano, extraurbano e misto.

Oltre a fornire un panorama completo del mercato automobilistico, i dati riportano informazioni importanti sulla riduzione del livello medio di emissioni delle autovetture vendute negli ultimi anni.

Sta infatti calando la media ponderata delle emissioni di anidride carbonica  delle autovetture immatricolate in Italia: negli anni è ulteriormente diminuita al punto che già nel 2011 era stato raggiunto l’obiettivo di 130 g/ km fissato come obiettivo dall’Unione Europea per il 2015, e nel 2013, secondo dati provvisori, la media è ulteriormente scesa fino a toccare i 122,4 g/km. Un miglioramento generalizzato, ma raggiunto dalle diverse case produttrici attraverso altrettanto diversi percorsi. 

Fonte: Rinnovabili.it – Articoli correlati QUI

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: