Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Giulia e il lupo. Storia di un abuso sessuale nella Chiesa

«L’avevo giurato a me stessa: mi porterò nella tomba questo segreto. L’abuso che ho subito da un prete a chi interessa? A chi potrei raccontarlo? E poi se è successo è tutta colpa mia.

Forse senza accorgermi me lo sono cercato! Questi e altri pensieri mi hanno tenuta prigioniera per anni. Ne sono passati più di trentacinque dalla prima volta.

E ora eccomi qui, a scrivere e a riordinare nella mente e nel cuore ricordi scomodi, ingombranti, umilianti. Ricordi pesanti come macigni che soltanto dopo decenni ho lasciato riemergere per riuscire ad andare oltre e lasciarmeli finalmente alle spalle».

Comincia così Giulia e il lupo…

6905598

Giulia (nome di fantasia) racconta in prima persona la storia dell’abuso sessuale subito per sette anni, durante l’adolescenza, da parte di un sacerdote.

Nel periodo successivo Giulia cerca la propria strada e diventa suora. Ma solo dopo molti anni troverà la forza e le condizioni per raccontare a qualcuno la vicenda che l’ha segnata indelebilmente; da questo momento inizia un lento e faticoso percorso di guarigione interiore, che continua ancora.

Prefazione di Hans Zollner, Postfazione di Anna Deodato, in Appendice testi di Papa Benedetto XVI e Papa Francesco.

Per approfondire leggi questo articolo: La Chiesa racconta una storia di abusi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: