Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Social Network: consigli per difendere la tua privacy

webCi sono i più disinibiti, che usano i social network come una sorta di diario personale in cui parlare di sé e di ciò che pensano; ci sono i discreti, quelli che li usano per restare, virtualmente, nella loro rete di persone e interessi, ma senza esporsi più di tanto; ci sono gli “apocalittici”, quelli che decidono di starsene al di fuori e anzi li snobbano un po’, considerando quasi dei matti quelli che si “mettono in piazza così”.

Abbiamo condotto un’inchiesta sulla piattaforma più usata (dal 76% degli utilizzatori di internet) e che più si presta all’espressione diretta della personalità.

Ma qual è l’atteggiamento generale degli utenti rispetto alle proprie informazioni più intime?

Dai nostri dati sembra che ci sia ormai una notevole disinvoltura: per il 37% degli utenti non è un problema mostrare la propria personalità online, anche se questa potrebbe essere accessibile a degli sconosciuti.

Circa una persona su quattro ritiene per niente sensibili informazioni private che potrebbero essere deducibili dalla sua attività online e relative, per esempio, alle sue presenti e passate relazioni sentimentali, o al suo lavoro.

Eppure i problemi legati alla privacy possono capitare: status o foto imbarazzanti che inaspettatamente creano dei grattacapi al lavoro, con il partner, con i familiari o in generale danni alla reputazione.

D’altronde, non è che, sui social, si è sempre così cauti o padroni di ciò che accade, come mostrano i contenuti postati per sbaglio (è successo al 23% delle persone) o di cui ci si è pentiti (25%), cancellazione di tag che ci identificano in una foto imbarazzante (39%) e così via.

Si può essere disinibiti sui social, certo, ma questo non vuol dire che non si debba avere il più possibile il controllo di ciò che si fa o ci succede intorno.

Un buon punto di partenza è considerare ogni post come destinato a essere comunque pubblico e a restare online potenzialmente per sempre.

Ancora più attenzione va data per chi è interessato a una possibile futura ricerca di lavoro: le risorse umane ormai vanno spesso sui profili dei candidati per farsene un’idea.

(Leggi anche: Sei candidato alle elezioni per il Sindaco, vado su FB, guardo il tuo profilo e…)

Nell’inchiesta abbiamo elencato alcuni piccoli accorgimenti da seguire per proteggere la propria privacy su Facebook…

Fonte & Dettagli: Social Network: consigli per difendere la tua privacy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: