Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Mi scrive un amico: “ma che pazienza che devi avere….”

Ho un caro Amico con il quale sono in sintonia totale e che uso come valvola di sfogo in ambito lavorativo, scrivendogli dei post sul Gruppo FB.

Questo quello di ieri….

Arriva un ordine da 420 € ovvero da un piccolo cliente.

Chiede se, ora che sono venuti un paio di volte, invece che al ritiro possono pagare a 60 giorni fine mese, al 10 del mese successivo.

Ora, passino i 60 giorni, ma questa moda di far slittare il pagamento al 10 del mese successivo è una gran rottura, per cui mi prendo i miei rischi e gli dico di no. O 60 giorni fine mese o, sottinteso, faccia lui.

Accetta, tuttavia c’è gente che si impunta. Io resto dell’idea che sia chi vende che deve fare le condizioni, ma è anche andata bene che abbia chiesto di posticipare piuttosto che metterti davanti al fatto compiuto.

E’ altresi’ vero che ogni tanto mi tocca abbozzare, ma talvolta mi impunto io, ma in quel caso come racconto in questo post:

“mi scrivono che se le condizioni non sono trattabili, di fatto applico una “preclusione alla negoziazione” ed allora faccio notare che quando uno scrive che le sue condizioni annullano le mie e che, in pratica, lui ha sempre ragione ed io sempre torto, mi pare che la preclusione arrivi da parte loro.”

Un piccolo esempio di condizioni inique.

Leggo che in caso di ritardo nella consegna, dopo una settimana scatta una penale dell’1% dell’importo, applicabile per un periodo di 10 settimane.

Nel caso però sia il cliente a non ritirare il materiale, lasciandolo in giacenza, il fornitore non può chiedere nessun risarcimento per un periodo di 3 mesi, trascorso il quale potrà applicare una penale (da definire) per lo spazio occupato dal materiale, quindi in €/mq e non in percentuale sull’intero importo.

Non accetto di lavorare su queste basi ed a questo punto scattano reciproche forme di commiato e sarà per un’altra volta (dubito).

al quale ha risposto dicendomi che…

ed in effetti, se ogni tanto pubblico questo “slogan”, una ragione ci sarà…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30 maggio 2018 da in Il mondo del lavoro, Pensieri, parole, idee ed opinioni con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: