Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Città sola

Quando Olivia Laing si trasferisce dall’Inghilterra a New York, si ritrova a vivere in una città sconosciuta, in completa solitudine.

Prostrata e affascinata al tempo stesso da questa esperienza, decide di ricercarne il senso più profondo, esplorando la sua condizione attraverso l’arte.

Che cosa significa sentirsi soli? Ha senso vivere senza mettersi in relazione con gli altri? In che modo si può entrare davvero in contatto con le persone?

Laing cerca le risposte nelle opere e nelle biografie di alcuni indimenticabili artisti del Novecento – da Edward Hopper a Andy Warhol, da Henry Darger a David Wojnarowicz – intraprendendo un’avventura unica ed elettrizzante.

Commovente, provocatorio e intenso, in bilico tra il memoir e un saggio di critica d’arte, il volume è un libro sulla distanza e sulla vicinanza, sulla sessualità e sulla morte, sul senso della vita e sul magico potere redentore dell’arte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20 settembre 2018 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: