Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Trauma

Cari lettori, eccomi con la mia opinione su #trauma di #mcgrath: sono rimasta piacevolmente sconvolta.

“Come ormai avrete compreso, sono uno psichiatra.Ho scelto questa professione a causa di mia madre, e non sono l’unico. Sono le madri che hanno spinto la maggior parte di noi verso la psichiatria: di solito, perché le abbiamo deluse.”

Con questa frase sul retro del libro, capisci che non sarà una lettura “leggera”.

 

Testi & foto di Mikychica.lettrice 

Capacissimo l’autore di inchiodare letteralmente il lettore alle pagine,e di rendere patologico tutto ciò che scrive, lasciandoci la sensazione di osservare la storia quasi fosse filtrata dalle maglie moderatamente larghe della trama di cotone del camice bianco di un medico.

La storia è ambientata a New York, ma non ci saranno descrizioni delle ambientazioni, ridotte all’osso, giusto il minimo indispensabile per permettere a chi legge di dare una collocazione ai vari personaggi.

L’interesse di McGrath è invece l’analisi psicologica di ogni personaggio, le motivazioni profonde che spingono gli individui ad assumere determinati comportamenti, l’effettiva alterazione della realtà che può produrre una mente di fronte a fatti che vengono vissuti, ritenuti inaccettabili così come sono; da qui il titolo del libro stesso “TRAUMA”.

Questo è il cuore del libro, questa deve essere l’ottica da tenere nella lettura della vita di Charlie, della sua famiglia di origine, del suo matrimonio con Agnes naufragato in seguito alla morte del fratello di lei, curato da Charlie stesso, della nuova relazione che vive lo psichiatra….

Veramente bello, molti sono gli spunti di riflessione, Charlie è un personaggio complesso, non si può fare a meno di vivere con lui il disagio procurato da ricordi della sua infanzia, il senso di inadeguatezza, la difficoltà di amare e farsi comprendere…..

Non delude e tiene alta l’attenzione fino alla fine, sono entusiasta di questa lettura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 aprile 2019 da in L'angolo dei libri - le nostre recensioni con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: