Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Rabbia

Testi & foto di Mikychica.lettrice

Vi racconto finalmente le mie impressioni su #rabbia di #palahniuk.

Questo è un inno all’anticonformismo. Al mondo qui rappresentato viene tolta ogni umanità, un posto peggiore di come lo è.

Il modo in cui è scritto è incredibile, non c’è un protagonista di cui percepiamo i pensieri e osserviamo le azioni, tutte le persone che incontriamo durante la lettura parlano del protagonista, Buster Casey detto “Rant “. Chi lo descrive come un genio, chi come un folle, chi come un amico.

Buster un ragazzo sociopatico, figlio della classica famiglia provinciale Americana. Buster ama farsi mordere da qualsiasi insetto, o animale, diventando così immune al loro veleno, ma si trasforma in un veicolo di contagio della rabbia, che propaga intenzionalmente tra tutti i suoi amici dediti al “Party Crashing “.

Si tratta di un gioco nel quale i protagonisti, notturni, si scontrano con la macchina cercando di fare più danni possibili, insomma un gioco al massacro.

Persone scompariranno per apparire in altri momenti, viaggeranno nel tempo ed assieme ad altre sottotrame, fanno tutte parte del complesso libro di Palahniuk.

Qui c’è il suo genio, il suo leitmotiv ricorrente. Un libro difficile da digerire, una critica al mondo sbattuta in faccia al lettore in modo crudele e con la sua tagliente verità.

Il genio 😍😍

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 agosto 2019 da in L'angolo dei libri - le nostre recensioni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: