Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Il martello di Thor

di Patrick Weber

Lindau – Pagg. 349 – € 19,00 > lo vendo* ad € 8,00 + spese di spedizione

(*) bisogna vedere quando finirà la quarantena e vicende correlate – per verificare la reale disponibilità, Clicca QUI ) e controlla le Condizioni di vendita

Trama: Francia, 1944. Un commando delle SS è alla ricerca della sepoltura di Hrolfr, il condottiero vichingo divenuto duca di Normandia nel X secolo. Che cosa li spinge a un’impresa così rischiosa in terra di occupazione?

L’archeologo Pierre Le Bihan, reclutato dalla resistenza francese, sospetta che i nazisti siano sulle tracce del Martello di Thor, emblema della potenza dei sovrani scandinavi e arma invincibile capace di annientare ogni nemico.

Con l’aiuto della giovane combattente Joséphine inizierà la sua personale guerra contro i tedeschi per impedir loro di mettere le mani sull’antico tesoro.

Azione, intrigo e storia si mescolano in questo appassionante racconto che si svolge in parallelo in due epoche distinte, durante la Seconda Guerra Mondiale e nel Medioevo, e in cui un legame misterioso sembra mettere in relazione il destino del popolo vichingo con le sorti dell’Europa del XX secolo.

Letto: Paolo

Opinione personale: La storia si basa su vicende che hanno trovato riscontro nella realtà nazista, tuttavia il libro marcia a due velocità, come fosse stato scritto da due persone diverse.

Le vicende che si svolgono in Francia nelle settimane prima dello sbarco in Normandia non catturano e non coinvolgono, a differenza delle parti in cui si narra il percorso che ha portato Hrolfr il camminatore a diventare il Duca Rollone.

Trovo che il finale sia un pò frettoloso e mi vien da pensare che l’autore, storico dell’arte e di archeologia, abbia dato il meglio di sè proprio scrivendo dei vichinghi e  trascurando la parte più recente.

Nella mia classifica personale gli assegno un Medio.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: