Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Suburbia killer

di Harlan Coben

Mondadori – Pagg. 391 – € 9,30 (fuori catalogo)

Trama: Matt Hunter è uscito di galera dopo nove anni di reclusione, colpevole unicamente di essersi intromesso in una rissa in cui una persona aveva perso la vita. Fuori dal carcere Matt è solo un ex detenuto con una strada tutta in salita.

Lo aiutano a rialzarsi la moglie Olivia e il figlio che lei porta in grembo. Ma il passato in qualche modo sembra tornare a perseguitare Matt quando una serie di omicidi sembrano indicare in lui il principale sospetto.

Uscire dalla legalità per cercare di provare la propria innocenza per Matt e Olivia diventerà un percorso obbligato…

Letto da: Paolo

Opinione personale: Questo è uno dei libri scambiati al buio con l’amica genovese ovvero l’ho preso in mano senza sapere nulla della trama.

La storia non è male, anche se le motivazioni di fondo dell’atto criminale in sè e relativi sviluppi, mi sembra un po’ forzato ovvero se fossi stato nei panni dei “criminali” avrei gestito la faccenda diversamente.

Complessivamente si legge bene, soprattutto per le parti che vedono Matt coinvolto direttamente, tuttavia l’ottusità iniziale della polizia, seppur viziata da una cosa che non si può raccontare, 😉 mi lascia un po’ dubbioso.

Sembra sempre che poliziotti, procuratori e talvolta giudici siano tutti dei cretini. Il finale non mi convince troppo, ma ho apprezzato l’epilogo che mette a posto il tutto.

Nella mia classifica personale gli assegno un Medio.

Nota a margine: Mi chiedo come mai, se il titolo originale è The innocent (L’innocente), l’ediziobne italiana abbia un titolo sempre in inglese (Suburbia killer = l’assassino dei sobborghi) che peraltro non c’entra niente con la storia raccontata.

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 6 agosto 2020 da in L'angolo dei libri - le nostre recensioni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: