Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Se si chiama “retronebbia”, ci sarà un perchè. E se non c’è nebbia: spegnilo!

Tutti noi abbiamo a che fare con i soliti furboni che accendono il retronebbia quando non serve oppure lo accendono a ragion veduta, ma poi non lo spengono mai.

Quando li incontro provo a lampeggiare, persino a tenere gli abbaglianti accesi (solo se fermi in colonna e non arriva nessuno di fronte) sperando che magari caccino fuori la testa per dire “e abbassa quei fari” al che io gli potrei dire “e spegni quel retronebbia” !

Quello che lor signori non capiscono è che, oltre al fatto che se non erro incorrono in una sanzione del C d S , danno fastidio a chi sta dietro e soprattutto si pongono in una situazione di pericolo in quanto gli stop restano meno visibili, in quanto come è stato verificato da alcune ricerche, la forte intensità di queste luci crea un effetto memoria sulla retina, che rende difficoltoso percepire l’accensione, per l’appunto, degli stop.

In sintesi, rischiano di essere tamponati invece che evitati.

A questo punto vien da chiedersi se non vi siano spie e modalità di accensione/spegnimento, che possano impedire questi comportamenti.

Essendo abituato ad usare i fari in modo corretto, non sapevo se sulla mia auto fosse possibile dimenticare accesi i retronebbia, per cui stamattina ho fatto una prova.

Sulla Toyota Corolla, dapprima si accendono i fari (due click sulla leva) e successivamente un ulteriore click per i fendinebbia ed un altro per i retronebbia. Quindi per accenderli devi fare una serie di passaggi che ti rendono consapevole di ciò che fai.

Lo spegnimento. Ho provato a spegnere i fari, lasciando accesi i fendinebbia e di conseguenza il retronebbia e non è possibile. Se il comando del retronebbia (e del fendinebbia) è acceso, si spengono i fari, ma non le luci di posizione, ragione per cui oltre al fatto che sono accese (e c’è la spia sul cruscotto) quando si apre la porta suona il cicalino di luci accese.

Sulla Corolla non è possibile lasciare il retronebbia acceso dopo l’uso.

Sulla Smart ho fatto la prova. Il retronebbia si accende con un pulsante a sè e quando si spegne il motore, il retronebbia si spegne. Semplice.

E sulle altre auto, a quanto pare le cose vanno diversamente…

Altri post sull’uso (ed abuso) dei fendinebbia/retronebbia li trovi qui.

5 commenti su “Se si chiama “retronebbia”, ci sarà un perchè. E se non c’è nebbia: spegnilo!

  1. Pingback: I progettisti guidano le auto che disegnano? « Paoblog

  2. Stefjord
    25 novembre 2009

    Non starei a fare tante prove. Il retronebbia non è mai una dimenticanza, ma una cosa voluta.
    Voluta per “dare fastidio” a chi ti segue. Esattamente come i fendinebbia anteriori e gli abbaglianti accesi anche a mezzogiorno di ferragosto.
    La cosa divertente è che quando in autostrada arriva un missile terra-terra in corsia di sorpasso, per farsi notare, una volta lampeggiava. Adesso, avendo costantemente accesi abbaglianti, luci diurne, fendinebbia (e retronebbia) non sanno più cosa fare per farsi notare.
    Alcuni accendono gli indicatori di direzione (le uniche luci da accendere controvoglia).
    Attendo con curiosità e un pizzico di divertimento quale sarà la prossima trovata dei maleducati al volante, lei no?

    • paoblog
      25 novembre 2009

      Attendo con curiosità e un pizzico di divertimento quale sarà la prossima trovata dei maleducati al volante, lei no?
      * Anche no 😉 mi verrebbe da dire… già non “reggo” questi atteggiamenti, ci manca che s’inventino qualche cosa di nuovo…
      °°°
      Il retronebbia non è mai una dimenticanza, ma una cosa voluta.
      * Temo che sia più corretto dire che è un’accensione inconsapevole, ma non per questo meno colpevole (la rima è involontaria).

  3. Pingback: Accendi il cervello, non il retronebbia « Paoblog's Weblog

  4. Pingback: I cattivi guidatori « Paoblog’s Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 gennaio 2009 da in Il mondo dell'automobile (e non solo), Sicurezza stradale con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: