Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un’auto medica fuori quota…

Spesso si leggono le lamentele delle società che gestiscono Ambulanze e servizi di soccorso, per la mancanza cronica di fondi, senza contare il fatto che le ambulanze e/o auto mediche, risentono del costo aggiuntivo delle attrezzature e dotazioni di soccorso.

A prescindere dalle solite Fiat Punto e/o Panda che si vedono talvolta, la maggior parte delle volte, a Milano, quale auto-medica vedo delle Renault Scenic (vecchia serie) 4×4 oppure ultimamente delle Fiat Sedici.

Capirete la sorpresa quando l’altro giorno, in Viale Marche mi è passata di fronte una Audi Q7.

Facciamo i cosiddetti conti della serva… La versione più economica della Q7,ovvero la 3.6 V6 FSI quattro Tiptronic, costa di Listino € 56.301; immaginiamo che vi sia qualche accessorio da mettere, ma che il costo sia compensato da eventuali sconti e/o facilitazioni. Poi avremo l’allestimento e le dotazioni mediche. Resta sempre una bella cifra. Serve una Q7 quale auto medica? In città poi?

Giusto per rinfrescare le idee a chi non ha presente l’auto, vediamo le caratteristiche base ed una foto:

Motore 3600 benzina –

Consumo (urbano) 5,9 km con 1 litro (ma se poi ci rifacciamo all’indagine di Quattroruote che ha evidenziato consumi medi superiori del 30% a quello dichiarato…)

Lunghezza: mt. 5,09 / Larghezza: mt. 1,98 / Altezza: mt. 1,74 / Peso: kg. 2205

00030879

2 commenti su “Un’auto medica fuori quota…

  1. Pingback: Pensionato investito da un Suv ovvero da un automobilista incivile « Paoblog

  2. Francesco
    9 ottobre 2009

    Effettivamente la scelta di una auto medica così costosa e anche ingombrante, poco agile nel traffico e negli spazi risicati di una città… lascia perplessi.
    * * *
    Devo dire che a Roma si vedono per lo più circolare auto mediche – soprattutto se deputate al trasporto sangue o anche organi – di piccole dimensioni, proprio perché, evidentemente, possano essere agili nel districarsi tra il traffico urbano e trovare più agevolmente posteggio. Mi è capitato anche di vedere qualche Smart.
    * * *
    Ciò che stupisce, però, e lascia dubbiosi riguarda soprattutto l’età avanzata che generalmente hanno le vetture utilizzate per il trasporto delle sacche di sangue. Parliamo, dunque, di autovetture che corrono a sirena spiegata zigzagando nel traffico spesso a velocità elevate. Le vetture più diffuse tra queste sono le Fiat Seicento, le Panda vecchio modello (ante 2003), le Fiat Palio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 ottobre 2009 da in Il mondo dell'automobile (e non solo), Pensieri, parole, idee ed opinioni con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: