Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Expo2015, una storia infinita…

Resta ancora da sciogliere il nodo dei terreni su cui sorgerà il sito dell’Expo: comodato o acquisto tramite mutuo?

E intanto Legambiente lancia l’allarme: il fiume Olona potrebbe esondare e rovinare la festa a tutti. Formigoni, nel frattempo, si deve difendere dalle accuse secondo cui, con il progetto di legge varato mercoledì dalla Giunta regionale, la Regione accentrerebbe a sé ogni valutazione di impatto ambientale, riducendo i vincoli alle norme urbanistiche e aumentando gli spazi di discrezionalità.

Per l’Esposizione che si terrà a Milano nel 2015 proseguono i lavori «a pieno ritmo», spiegano dalla società di gestione che a fine aprile dovrà presentare al Bureau international des Exposition a Parigi il masterplan. ( 😀 ) Uno dei nodi essenziali che resta da sciogliere è quello dei terreni dove costruire il sito dell’Expo. Inizialmente una delle idee era di prendere il terreno (di proprietà di Poste Italiane, Cabassi, Comune di Milano e soprattutto Fondazione Fiera) in comodato d’uso. Ma c’è chi, nel cda, inizia a valutare la possibilità di comperare l’area con un mutuo per poi rivendere le strutture che saranno costruite dopo l’Expo. Ipotesi che però non trova tutti d’accordo nel consiglio di amministrazione, che si riunirà il 16 ottobre.

L’articolo 15 del Progetto di legge varato mercoledì dalla Giunta regionale, progetto che dovrà ora passare all’esame del Consiglio regionale, prevede che la valutazione di impatto ambientale per le grandi opere dell’Expo 2015 spetti d’ora in poi soltanto alla Giunta regionale della Lombardia e non più, come ora, alla Conferenza dei servizi. L’assessore all’Urbanistica e al territorio, Davide Boni, ha spiegato: «La Regione potrà agire più rapidamente senza doversi coordinare con altri enti locali, né attendere le loro decisioni. Questo è un passo in avanti sulla strada dello snellimento delle procedure che ci consentirà di non arrivare fuori tempo massimo nelle autorizzazioni per le grandi opere dell’Expo 2015».

Il consigliere regionale del Pd, Franco Mirabelli, ha protestato: «Si rafforza la sensazione che l’Expo non sia una grande occasione di rilancio di Milano e della Lombardia, ma un pretesto per ridurre i vincoli alle norme urbanistiche, aumentare gli spazi di discrezionalità e diminuire la trasparenza».

E Formigoni si è difeso: «Non è vero che il progetto di legge regionale accentra tutto nelle mani della Regione. Le opposizioni in Lombardia sono ridotte al lumicino e utilizzano argomenti speciosi: il progetto salvaguarda i diritti dei cittadini, dell’ambiente e aiuta la semplificazione» normativa.

E un allarme idrogeologico sull’Expo arriva intanto da Legambiente, che ha presentato, dopo quello sul Friuli, il suo dossier «Operazione fiumi» sulla situazione in Lombardia. A quanto risulta dal dossier, è un «quadro molto critico» quello del corso del medio Olona, «soprattutto per l’elevatissimo livello di cementificazione e consumo di suolo», spiegano da Legambiente.

E citano il dato dell’Autorità di Bacino del fiume Po: il 58% del bacino dell’Olona, da Varese all’area Fiera di Milano, è cementificato. Per questo Damiano di Simine, presidente lombardo di Legambiente, lancia l’allarme Expo e chiede che il 2015 «sia una scadenza anche per risanare il fiume che rischia di esondare nell’area Expo», mandando con i piedi a mollo l’esposizione universale. Altro punto caldo è l’Oltrepo pavese, «con le sue 3.400 frane attive in un’area poco attrezzata e abitata da 30 mila persone».

L’assessore regionale alla Protezione Civile Stefano Maullu ha ribattuto sottolineando, in particolare, il Piano regionale di mitigazione del rischio, gli 1,3 miliardi di euro investiti dalla Lombardia e dallo Stato dal 1993 a oggi per interventi di messa in sicurezza, i 17 mila volontari della protezione civile e, anche sul fronte Olona, le quattro vasche di laminazione già realizzate a monte.

Si parla di Expo2015 anche qui:

https://paoblog.wordpress.com/2009/03/30/il-primo-%c2%abnon-anniversario%c2%bb-di-expo/

https://paoblog.wordpress.com/2009/09/18/stanca-non-rinuncio-al-doppio-incarico/

https://paoblog.wordpress.com/2009/07/31/expo-il-piano-b-abbatte-torri-e-padiglioni/

https://paoblog.wordpress.com/2009/07/24/expo2015-parla-stanca/

https://paoblog.wordpress.com/2009/06/25/expo-basta-ritardi-o-nomineremo-i-commissari/

https://paoblog.wordpress.com/2009/05/15/expo-2015-15-05-2009/

https://paoblog.wordpress.com/2009/05/13/expo-2015-sono-stufo/

https://paoblog.wordpress.com/2009/05/12/expo-2015-una-saga-infinita/

https://paoblog.wordpress.com/2009/04/21/4873/

https://paoblog.wordpress.com/2009/03/30/il-primo-%c2%abnon-anniversario%c2%bb-di-expo/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 ottobre 2009 da in Burocrazia e/o Politica con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: