Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

I consumi delle auto ovvero come scrivere numeri a caso

Come ho già scritto a suo tempo in un post , sono ormai due anni che tengo nota delle percorrenze e dei litri di benzina di ogni rifornimento della Smart benzina 84 Cv.

Da queste verifiche continue, e basate sulle percorrenze annuali fatte da giugno a giugno, includendo quindi tutte e quattro le stagioni, e quindi l’uso delle gomme da neve, del condizionatore, delle luci accese anche di giorno, le vacanze (in due con bagagli) per una percorrenza annua di circa 16.000 km. ed i consumi (extraurbano e ciclo misto)  indicati dalla Smart  io non li vedo.

Mi sono attestato a 15,40 Km/lt. (e da qui non mi muovo, in quantio – scrivo questa nota nel maggio 2014 – lì sono e lì resto)

Come evidenziato nel post citato, in Europa la Smart viene pubblicizzata con dei consumi pari a 4,9 litri/100 km (ovvero 20,4 km/lt), mentre negli Usa dove non permettono alle Case di prendere in giro gli automobilisti, si passa ad un realistico 6,5 lt/100 km il che equivale, casualmente a 15,3 km/lt.

Bene, tutte cose già dette, per cui che senso ha scrivere un nuovo post sull’argomento?

Nasce dalla lettura di un articolo pubblicato oggi sull’inserto Coupè, spider, cabriolet allegato al mensile Auto dove parlando della Smart Brabus cabrio, le attribuiscono un consumo medio pari a 18,5 km./lt ovvero di poco superiore al consumo della Smart 84 Cv che consuma 19,6 km/lt. 😀 Rido a crepapelle, perchè deve trattarsi di una barzelletta.

Mah, forse sono io ad avere il piede pesante, forse sono incontentabile, chissà…tutto plausibile se non fosse che lo stesso mensile, a seguito di prove sul campo, attribuisce alla Smart 84 Cv (coupè) un consumo compreso fra 13,3-13,5 km.lt. il che è persino troppo.

A questo punto, al di là dello scandalo dei consumo falsi dichiarati dalle Case, vien da chiedersi se Auto, peraltro in bella compagnia con altre riviste del settore, non abbia fatto altro che un bel Copia & Incolla dal catalogo Smart, con tanti saluti al lettore che si aspetta attendibilità da una rivista che scrive solo di auto.

E ricordiamoci della CO2…

Articolo correlato: I consumi veri delle auto e la legge bavaglio

Notare il fatto che anche le vetture elettriche risentono dello stesso difetto di quelle normali ovvero dei consumi omologati che non stanno in piedi.

Nelle auto elettriche non si fa riferimento ai consumi, ma all’autonomia che nel caso della Zoe è omologata in 210 Km. (195 con le gomme da 17″) se non fosse che quella media reale è di 131,5 km. in città oppure 123,4 sulle Statali.

Con una guida attentissima si può arrivare a 160 km., tuttavia ho avuto modo di vedere un video con un giornalista di Quattroruote che cerca di replicare l’ottimo risultato dei collaudatori e non ce la fa. Immaginiamoci un automobilista normale.

Stessa cosa accade per le ibride e in un articolo sulla Volkswagen XL1, auto da 100 km. con 1 litro, ho letto come vengano omologati i consumi che nella realtà sono ben lontani da quanto pubblicizzato.

Leggi anche questo articolo di Altroonsumo

20 commenti su “I consumi delle auto ovvero come scrivere numeri a caso

  1. Pingback: Smart benzina 84 Cv: i consumi reali « Paoblog

  2. Pingback: Consumi auto, come si ottengono? « Paoblog

  3. Pingback: I consumi della Honda CR-Z ibrida coupè « Paoblog

  4. stefano
    13 maggio 2011

    i consumi dichiarati non sono inventati ma calcolati secondo la direttiva europea, che negli Stati Uniti ovviamente non si applica.
    Il mensile Auto prima di testare un’auto non può che riferire i consumi dichiarati, dopo averla provata riferisce i consumi rilevati, che nel caso specifico non sono troppo elevati perchè si riferiscono all’uso in città (situazione notoriamente con consumo più elevato) e in autostrada a 130 km/h, mentre i consumi medi rilevati da te immagino che siano su percorso misto, quindi anche con tratti a 80-90 km/h in cui il consumo è notevolmente inferiore.

    • paoblog
      14 maggio 2011

      I consumi dichiarati è come se fossero inventati, in quanto le norme europee non sono affatto veritiere, altrimenti non si spiegherebbe come mai siano sistematicamente inferiori al vero del 30-40%. Nel post è inserito un link che porta a questo articolo: http://www.sicurauto.it/guide-utili/consumi-auto-come-si-ottengono.htm

      I consumi che indico sono quelli medi, per forza di cose. Nell’articolo di Auto sono indicati consumi falsi, degni (mi ripeto) del Copia & Incolla del catalogo Smart. Tu dici che prima riferiscono i consumi e poi li testano. Peccato che in questo caso prima li hanno testati (vedi il box pubblicato nelle prove riassuntive) con risultati che non trovo veritieri nel senso opposto e dopo hanno fatto un articolo con percorrenze fuori dal mondo.

      A parte ciò, così come è vero che in città si consuma di più ed in extraurbano di meno, e da qui il valore medio asume maggiore importanza, nella prova di Auto il consumo urbano è di 13,31 km/lt. ed in autostrada di km. 13,51. Se a te una differenza di 0,2 km/lt. pare un dato affidabile….

      Un articolo correlato lo trovi qui: http://mauriziocaprino.blog.ilsole24ore.com/2010/05/i-consumi-veri-della-auto-e-la-leggebavaglio.html

      • Stefano
        16 maggio 2011

        dire che le case scrivono numeri a caso non è vero, dire che la normativa europea non rappresenta l’utilizzo medio reale degli utenti (opinione che condivido) è altra cosa.
        Quanto ad Auto, tutti i listini e gli articoli delle riviste di auto fanno riferimento ai consumi omologati (e non inventati)secondo la normativa europea. Poi ci sono gli articoli con le prove su strada con il rilevamento dei consumi che vengono fatti solo su alcuni modelli e con metodologie non unificate tra diverse riviste e nella maggior parte dei casi su strada o pista quindi in condizioni non standard con conseguenti margini di errore.
        In particolare poi il consumo extraurbano (che citi dalle tue prove) non è la stessa cosa di quello quello autostradale (riportato su Auto): sono 2 condizioni notevolmente diverse (il primo mediamente a 90 km/h , il secondo mediamente a 130 km/h) soprattutto per una vettura di piccola cilindrata, tant’è che per esempio dalla prova della rivista “Al volante” (http://www.alvolante.it/prova/smart_fortwo_coupe_2_pulse_) il consumo autostradale è addirittura superiore a quello urbano e notevolmente superiore a quello extraurbano, quindi considerando condizioni del traffico non standard la differenza di 0,2 km/l di Auto può essere plausibile e non per forza frutto di fantasia o di chissà quali lobby di interessi (a meno che tu non abbia prove più valide per dimostarlo).

      • paoblog
        16 maggio 2011

        Pregasi leggere il sarcasmo per piacere..

        E’ ovvio che i consumi non sono dati a caso nel senso stretto del termine, però non essendo veritieri è come se lo fossero.

        Nel momento in cui i parametri fissati dalle normative non rappresentano l’uso reale, a tutto vantaggio delle Case automobilsitiche, con tra l’altro dati non veritieri anche sulle emissioni inquinanti (e qui potremmo allargare il discorso agli incentivi) mettila come vuoi, ma per me se mi comunichi una cosa non vera, è perchè è falsa.

        Ricordiamoci poi che il consumo è un dato che fa la differenza nella scelta di un’auto piuttosto che di un’altra.

        Quanto ad Auto, non so… non mi spiego o non mi capisci? 😉

        L’articolo (non un listino) in cui sono citati i consumi dell’auto è successivo al test fatto dalla rivista, per cui la domanda sorge spontanea. Se Auto sa, per aver fatto un test, che la Smart 84 C. fa i 13,5 con un litro, perchè scrivere (in un articolo successivo) nell’articolo che fa i 19?

        Circa i consumi di Al Volante, se vai a velocità da Codice (visto che si parla di autostrada e non di pista, si suppone a 130 kmh. max) 11,8 km/lt è troppo basso e te lo dice uno che come avrai notato è molto critico verso i consumi reali della Smart, così come i 18,9 del fuori città lo trovo poco attendibile a meno che, i dati non siano stati rilevati in maniera artefatta. Ho infatti letto tempo fa uno Smartista che contestava ad una rivista certi risultati e nella risposta si parlava di auto senza optional, nuda e cruda, e con condizioni d’uso poco reali.

        In ogni caso, ripeto, le mie medie d’uso si riferiscono ad esempio a velocità da codice, fari accesi (+2% nei consumi), il condizionatore quando fa caldo, e quasi sempre 2 persone a bordo. Al sabato spesa al super con 4 borse e nelle vacanze, pure i bagagli…

        Prove valide? Secondo me le parole scritte da M. Caprino, giornalista con notevole esperienza e conoscenza del settore auto, dovrebbero perlomeno instillare dei dubbi sulle veridicità di quanto scrivono le riviste del settore:

        ….Paoblog, che non ha mancato di esprimere le sue perplessità….. Che io condivido: non è un giornale qualunque, ma una rivista specializzata, sintomaticamente chiamata “Auto”. Insomma, da esperti del settore non ce lo si aspetterebbe. Salvo non ipotizzare il solito articolo che non sta lì a sottilizzare tanto, per non contrariare il costruttore (soprattutto in tempi in cui la pubblicità cala).

        Ovviamente nessuno di noi può sapere come sia andata realmente. In questo come in tanti altri casi che ciascun lettore attento può trovare da sé. Ma non sarebbe male se, finita la buriana della legge-bavaglio sulle intercettazioni, noi giornalisti ci concentrassimo a scrivere in modo più accurato e a denunciare tutti gli altri bavagli quotidiani imposti un po’ a tutta la categoria da pubblicità e altri interessi (e dalle ristrettezze economiche). Perché il giornalismo non è solo cronaca giudiziaria. E deve’essere fatto come una cosa seria. Altrimenti prima o poi morirà.

      • paoblog
        16 maggio 2011

        P.S. dimenticavo, una piccola precisazione: il titolo, venato da un sarcasmo non recepito, in ogni caso di riferisce ai numeri a caso di Auto. Per le Case parlo sempre di consumi falsi/non veritieri….

    • paoblog
      15 maggio 2011

      Un piccolo dato fresco di giornata… Nella fine settimana sono stati percorsi 329 km, dei quali circa 40 urbani, altri 40 di Statale ed il resto in autostrada con una velocità media di 110-120 kmh. Consumo medio pari a 15,73 km/lt. Luci accese, condizionatore, in 2 per 260 km su 329.

      Il consumo medio su base annua, resta fisso sui 14,9 km/lt

      • Stefano
        16 maggio 2011

        il sarcasmo è una cosa, la falsità un’altra, perchè i dati non è che non sono veri e quindi falsi ma calcolati secondo un ciclo specifico (che può essere discutibile ma al momento è direttiva europea e non scelta fantasiosa), ma comunque come tali confrontabili uno con l’altro perchè eseguiti con la stessa modalità.
        Quanto ad Auto io non lo leggo quindi non conosco la tempistica dei 2 articoli, ma indipendentemente da questo non si può pensare che le riviste negli articoli di notizie, listini etc.. scrivano per alcune vetture i consumi omologati e per altre i consumi rilevati (visto che non si può pensare che provino tutte le vetture esistenti), al max potrebbe indicare, dopo i consumi omologati, se li hanno misurati, anche quelli rilevati, ma anche questo a mio avviso non sarebbe equo perchè per le vetture non provate e per le quali si potrebbe indicare solo il consumo omologato, il lettore potrebbe prendere quest’ultimo come termine di paragone rispetto al consumo di altre vetture misurato(che rimane sempre calcolato con procedura non standard). Quindi per i dati rilevati dalla riviste si guarda negli articoli e nelle pagine web relativi alle PROVE, che sono ben individuabili.
        Rispetto e stimo Caprino per la sua professionalità ma non per questo mi devo uniformare in tutto e per tutto alle sue opinioni.
        Per il resto ti rassicuro che capisco benissimo quello che dici tranne una cosa: visto da un lato consideri i consumi misurati da Auto non validi perchè troppo alti, dall’altro critichi che ha riportato nell’articolo i consumi omologati perchè troppo bassi, qui si che non capisco bene quale sarebbe l’interesse economico nascosto di Auto? dire che la Smart consuma poco o che consuma troppo?
        Un atteggiamento più costruttivo secondo me sarebbe invece quello di fare pressione verso i politici e loro super-consulenti tecnici coperti di milioni perchè cambino il ciclo di omologazione previsto per legge e quindi standard ed obbligatorio per tutte le vetture, e magari ogni tanto si faccia da parte del ministero qualche serio controllo a campione sulle vetture da immatricolare per verificare che rispettino i consumi misurati in sede di omologazione.

      • paoblog
        16 maggio 2011

        La tempistica dei due articoli l’ho già detta: prima la prova e poi l’articolo e questo dovrebbe tagliare la testa al toro.

        Come detto nella precisazione di pochi minuti fa, probabilmente in concidenza con l’ultimo commento, il sarcasmo e la frase “numeri a caso” è legata ad Auto che salta con disivoltura dai 13 ai 19….

        I consumi se calcolati con parametri non conformi al reale utilizzo dell’auto, anche se legali da un punti di vista formale, per me sono e restano non veritieri. Sennò sarebbe come dire che l’abusivismo è legale, perchè il premier non farà abbattere le case abusive in Campania o che la deroga all’acqua con arsenico, la rende effettivamente potabile. La rende legalmente potabile, che è una cosa diversa….

        Listini & Prove. Io ho parlato della Smart 84 Cv. non di altre auto, fermo restando che l’attendibilità delle riviste di settore, per quel che mi riguarda è tutta da verificare, perchè troppe volte si sono lette prove nelle quali quello che è un difetto per un auto della marca X, passa sotto silenzio per la marca Y. Ed ogni riferimento a Quattroruote è puramente volontario. Rivista quest’ultima, che con la sua operazione Citroen per quel che mi riguarda (opinione condivisa da molti) ha perso totalmente in credibilità.

        Su alcune delle cose che penso ho informazioni attendibili che però, essendo informazioni confidenziali, non condivido sul web.

        Caprino. Nessuno dice che debba essere considerato la Bibbia del giornalismo auto, tuttavia è uno dei pochi che fa anche autocritica quando sbaglia e, in ogni caso, diversamente da altri, se i giornalisti hanno colpe, le dice. E questo segna un punto a suo favore.

        Liberissimo poi di pensare che un’inserzionista importante non eserciti nessuna pressione, magari indiretta, sui contenuti di giornali che perdono sempre più lettori e si attaccano alla pubblicità per tirare avanti…

        Consumi. Per quanto riguarda Auto io parlo, come minimo di imprecisione (vedi: numeri a caso) ovvero di scarsa qualità del prodotto, visto, che sia in un senso o nell’altro, dicono cose discordanti. O fa i 19 o fa i 13, non entrambi. Che scelgano.. se mi dicono 13, secondo me che ho fatto 60.000 km. con la Smart, sono bassi … se dicono 19, ho dei dubbi…

        Comunque sia, dal mio punto di vista, opinione personale che può essere condivisa o meno, è sicuramente più criticabile quanto scritto nell’articolo piuttosto che nella prova. Se, giusto quale esempio, compro la Smart basandomi sulla prova e scopro che fa i 15 e non i 13, ben venga. 😉 Diverso è se penso che faccia i 19 e scopro che fa i 15 oppure i 13….

        Ad esempio è più facile per me concordare con il consumo medio di 14,7 km/lt. che cita Al Volante.
        Giusto come dato non vincolante, il peggior consumo con la Smart l’ho avuto nei primissimi tempi, quando 1) dovevo abituarmi al cambio e 2) ho smesso con il kick-down… ma non sono mai sceso sotto i 13,5 km./lt…. guidando però più con il piede che con il cervello .. 😀

        Le normative sono europee ed il ministero italiano credo possa fare ben poco, anche se volesse, e su questo ho i miei dubbi.

  5. stefano
    17 maggio 2011

    Non è che Auto salta dai 13 ai 19, semplicemente ti dice in un caso i consumi risultanti dalle prove fatte e nell’altro quelli omologati. Poi non mi hai ancora spiegato in che direzione va l’influenza dell’inserzionista importante in questo caso, visto che dici che in un articolo i consumi sono troppo alti e nell’altro troppo bassi.
    Altra precisazione: dici che i consumi rilevati da “Al Volante” sono più veritieri perchè più bassi, ti faccio notare che è il contrario: i consumi rilevati da Al Volante sono più alti se vengono letti nel modo corretto: città 13.2 Al volante – 13.3 Auto; autostrada 11.8 Al Volante – 13.5 Auto; la media di Al Volante siccome tiene conto anche dell’extraurbano diventa poi il 14.7 che ti sembra giusto; Auto non ha misurato il consumo extraurbano e di conseguenza non ha fatto la media. Si può dire al max che sarebbe stato più completo misurare anche il consumo extraurbano, questo si ma non che i numeri sono inventati e invece quelli di Al volante sono reali, alla fine non si differenziano più di tanto fra loro se si leggono nel modo giusto.
    Con questo non voglio dire che sicuramente nel giornalismo automobilistico è tutto puro e trasparente(come del resto in tutti i settori), ma non mi sembra proprio che questo caso dimostri particolari ed evidenti “condizionamenti”, mi sembra piuttosto che si gridi “al lupo al lupo” vedendo un cagnolino solo perchè si è saputo che in giro c’è il lupo…

    • paoblog
      17 maggio 2011

      Io quello che dovevo dire l’ho detto e spiegato.

      Se ancora poni le stesse domande, delle due l’una: o io non mi spiego (può benissimo essere così) o tu non mi capisci.

      Solo una cosa: il consumo che ritengo interessante sapere è quello medio e, ripeto per l’ultima volta, quello indicato da Al Volante lo trovo corretto.

      Giusto quale riferimento, ecco i consumi indicati da Smart:
      Ciclo Urbano: 15,87 km/lt.
      Ciclo Extraurbano: 24,39 km/lt
      Ciclo Misto: 20,41 km/lt

      Quelli di Auto no, anche perchè nell’articolo non è specificato in quale situazione si facciano i 19,6 km/lt. fatto questo che mi porta a supporre un consumo medio (ed è quello che si avvicina di più a quanto indciato da Smart) e che, mi ripeto, giudico non veritiero.

      Tutto quello che potrei (ed avrei) da dire in aggiunta, sarebbe alla fine ripetitivo.

      • stefano
        17 maggio 2011

        io ripeto le stesse domande perchè evidentemente non rispondi a quello che chiedo, quindi è inutile, finisco qui. amen

      • paoblog
        17 maggio 2011

        Guarda non voglio dare il via ad una discussione e/o polemica, tuttavia non puoi affermare che io non ti rispondo, visto che ho sempre spiegato il mio punto di vista.

        Puoi dire che le mie argomentazioni non ti convincono e/o che non sei d’accordo. Ma dire che non ti rispondo…

  6. Pingback: Sciopero dei benzinai? Mi faccio una piccola scorta (in sicurezza)… « Paoblog

  7. Pingback: Caro Francesco, quanto costa un vivavoce? « Paoblog

  8. Pingback: Tra il consumo omologato e quello rilevato, secondo me c’è lo spazio per parlare di truffa (legalizzata,ovvio…) « Paoblog

  9. Pingback: I consumi (dichiarati) dei frigoriferi sono come quelli (omologati) delle auto: sottostimati | Paoblog

  10. Pingback: I consumi dichiarati ma non reali per le tasche dell’automobilista | Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: