Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

La coperta di emergenza in alluminio

L’altro ieri, con la collaborazione del Pupo Alpinista che si è recato fisicamente nel negozio a comprarle, ho acquistato due coperte di emergenza in alluminio da tenere in ogni auto.

Si tratta di una coperta in alluminio leggerissima (60 grammi) e dell’ingombro ridottissimo che offre buona protezione contro il freddo o il caldo, ripara inoltre da vento e pioggia. La si usa in caso di emergenza, ma non deve  essere utilizzata durante i temporali.

Utilizzata con il colore argento sulla superficie esterna, isola dal calore. Con il colore dorato sulla parte esterna, isola da umidità, freddo e pioggia (in caso di incidente, aiuta a mantenere la temperatura corporea.)

Non c’è nessun obbligo di legge in tal senso, 😉 ma cerco di avere a bordo delle auto una dotazione di sicurezza che mi possa aiuatre in caso di necessità.

Si parte da una piccola luce a led, poi una piccola borsa di Pronto Soccorso con cerotti, disinfettante, bende, ecc.  ed alcune medicine di uso abituale, due gilet ad alta visibilità (spesso non si pensa al passeggero), l’estintore (ancora mancante sulla Smart. Pensavo di prendere il Mangiafuoco, di ridotte dimensioni…) ed ora questa coperta.

Da dove nasce questa mia esigenza? Da un fatto successo tempo fa, quando mi sono fermato per aiutare un ragazzo caduto in scooter, steso sull’asfalto e che abbiamo ritenuto meglio non muovere. Era steso sull’asfalto, spaventato, pioveva e tremava dal freddo.

Avevo una coperta di lana a bordo e l’ho usata per coprirlo, ma con la pioggia, va da sè che si è bagnata. Meglio che niente, ritengo, ma una coperta d’alluminio sarebbe stata sicuramente più utile.

P.S. Il costo è ridottissimo. Da Cisalfa costa poco meno di 3 €.

5 commenti su “La coperta di emergenza in alluminio

  1. Pingback: Nella nebbia fitta è meglio avere le torce a vento | Paoblog

  2. Pingback: Il giubbino? Non lasciatelo nel bagagliaio: “ordine” della Cassazione « Paoblog

  3. Francesco
    30 dicembre 2010

    Un consiglio davvero molto molto molto utile!

  4. paoblog
    29 dicembre 2010

    Faccio riferimento alla mia esperienza personale.

    Nella Toyota la borsa (in plastica rigida) è posta nella botola presente sul pavimento e soffre poco per l’alta temperatura; nella Smart abbiamo un’altra piccola custodia in plastica, posta dietro i sedili.

    Le medicine sono a parte, in custodie poste nel cassetto portaoggetti. In questi anni non abbiamo mai avuto problemi, in ogni caso il disinfettante è disponibile anche in salviettine e/o in spray.

  5. Lucia
    29 dicembre 2010

    A proposito di borse di Pronto Soccorso: ne esistono di quelle resistenti alle alte temperature? Lasciando la borsa nell’auto chiusa sotto il sole nelle calde e assolate giornate estive, credo che di disinfettante e medicinale resti ben poco…

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: