Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Nella nebbia fitta è meglio avere le torce a vento

autoblogun articolo di Maurizio Caprino con un consiglio sicuramente utile, nell’ottica che è meglio essere preparati al peggio, piuttosto che trovarsi in una situazione di pericolo senza possibilità di risolvere.

Di primo acchito mi chiedo dove si possano però acquistare queste torce a vento; facendo una breve ricerca sul web di fatto non si trovano riferimenti.

Oggigiorno chiudono uno dopo l’altro i classici autoricambi, dove si trovava di tutto e bisogna andare nei reparti Auto all’Iper o i vari Brico & c. dove si trovano sempre le stesse cose e dove il personale cade dalle nuvole se “esci dal seminato”.  Quindi se uno volesse acquistarle dove deve andare?

A prescindere dal consiglio di Caprino, io suggerirei anche di accendere retronebbia e fendinebbia quando servono (ovvero spegnerli quando non servono) e, in ogni caso, di accendere le luci, ricordandoci che su molte auto le luci diurne anteriori sono accese, ma quelle posteriori NO.

° ° °

Torna la nebbia. Più o meno sempre nelle stesse zone, come sentite dai bollettini radiofonici sul traffico (anche se qualche dubbio viene: pensate mercoledì scorso che Onda Verde dava notizia di pioggia su tutto il tratto lombardo della A7, dove invece c’era una giornata quasi estiva dopo una decina di giorni di grigio-padano ininterrotto).

Proprio perché le zone più a rischio sono sempre quelle, vi segnalo un consiglio di Girolamo Simonato: se viaggiate spesso in queste zone, compratevi anche alcune torce a vento, come quelle delle pattuglia di polizia.

Infatti, spesso con la nebbia fitta le luci del veicolo e i giubbini riflettenti non bastano per essere visti a distanza. Così, se siete costretti a fermarvi (per guasti, impossibilità di vedere o incidenti anche altrui), dovete fare in modo da poter essere visti il più possibile da lontano.

E di certo piazzare un triangolo qualche centinaio di metri prima fa ridere i polli: meglio una torcia a vento.

Sperando che chi sopraggiunge abbia il cervello un minimo acceso.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 novembre 2013 da in Consumatori & Utenti con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: