Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Troppe auto con fari spenti in giro…

Sempre più spesso incrocio auto con i fari spenti; tralasciamo quelli che non accendono le luci di giorno, tanto non servono, che sono un discorso a parte.

Molti non le accendono neanche in galleria, ma talvolta con un lampeggio si ravvedono e le accendono.

Altri, entrano in galleria con le luci diurne, ma probabilmente ignorano che le luci posteriori restano spente ed il rischio si alza notevolmente.

Il post si rifersice nello specifico agli automobilisti che si dimenticano di accendere le luci quando c’è buio. Esco di casa verso le 6.20 e rientro esattamente dodici ore dopo, intorno alle 18.30 ed il buio è una costante.

Ecco, in queste occasioni, come dicevo,  vedo sempre più auto che circolano a fari spenti e non è certo un lampeggio a risolvere la cosa, senza dimenticare che in ambito urbano o su statali trafficate, non sempre si può fare per non dare fastidio agli altri.

Ho cercato di capire da dove nasca questa disattenzione, più frequente nelle donne, ma senza esagerare e forse ho capito.

Spesso quando l’auto a fari spenti mi precede e riesco ad affiancarmi, (nel traffico urbano capita…), guardo l’abitacolo e mi rendo conto che il cruscotto ha una luce molto forte che probabilmente non fa capire al conducente (tanto più se molto distratto) che le luci sono spente.

Sicuramente vero che nonostante l’illuminazione presente sulle strade, resta il fatto che dovresti notare a prescindere che non stai illuminando la strada davanti  a te…ma lasciamo perdere.

In alcune auto gli strumenti si illuminano solo a luci accese. Va da sè che in quel caso il conducente dovrebbe rendersi conto immediatamente di non aver acceso leluci.

Ho fatto una prova pratica, ieri sera, basandomi sulla Toyota che ha un quadro strumenti con una luce molto forte.

Non appena si accende il motore, il quadro strumenti si presenta come nella foto seguente.

Quando si accendono le luci, la luminosità si adegua ovvero se l’automobilista ha impostato un valore  inferiore, il quadro resta meno illuminato.

Io ad esempio lo tengo al valore massimo (quello della foto) in estate, in quanto indossando gli occhiali da sole avrei difficoltà di lettura; in inverno, invece, circolando quasi sempre nelle ore buie della giornata, seleziono il valore intermedio, che mi permette di guidare senza avere una luce troppo forte che mi disturbi.

A proposito di luce che disturba, ricordiamoci di quelle auto a cui restano accese le luci diurne a led anche con gli anabbaglianti accesi. Molto fastidioso.

Del retronebbia acceso sempre, neanche parlo.

Mi sono rotto le scatole di tanta imbecillità. 😦 Andate a leggervi il post specifico.

6 commenti su “Troppe auto con fari spenti in giro…

  1. Pingback: Perchè accendere i fari se c’è il sole? Tanto non servono… | Paoblog

  2. paoblog
    21 gennaio 2012

    Una volta è successo anche a me di partire con le luci spente, beninteso, l’errore e/o la distrazione sono sempre in agguato 😉 ma ho notato che l’unica cosa da fare è agire in automatismo ovvero così come allaccio le cinture appena salgo, così accendo le luci.

    Nessun avviso dall’altro automobilista?

    Parlo per esperienza diretta; è sempre più difficile segnalare qualcosa all’altro in quanto se sei fortunato non capisce e talvolta la cosa assume toni umoristici, sennò si torna al vecchio discorso del clacson ovvero si intepreta sempre il lampeggio/clacson come fosse un insulto e più volte sono stato mandato a fancucciolo da qualche conducente aggressivo a prescindere, per così dire.

    Tra l’altro, fari a parte, noto spesso autovetture con le gomme molli se non sgonfie e mi pongo il problema: come faccio a dirglielo? Appunto, non si può.

    Anni fa in autostrada avevo un problema che io non potevo vedere, ma quello dietro di me si, mi ha affiancato e fatto dei cenni; ci siamo fermati e mi ha detto il tutto. Da ringraziare ancor oggi.

  3. 12walker92
    20 gennaio 2012

    Proprio ieri mi è capitato un fatto assai imbarazzante. Erano le 19.15 e prima di partire, con la macchina parcheggiata, ho lasciato acceso per qualche minuto il riscaldamento per disappannare i vetri (girando la chiave, senza né mettere in moto e lasciando ovviamente i fari spenti). Fatto sta che quando sono partito non mi sono completamente scordato – non so come, perché – di accendere le luci (dimenticanza di cui pure ora non mi do ragione).

    Insomma. percorro circa 500-600 metri in una strada urbana (Mestre) – tra l’altro con la coda (prima, 5 metri, stop, ecc.) – dopodiché un automobilista fermo in senso contrario mi segnala con il lampeggio, al che io lo ringrazio e accendo i fari.

    A parte il fatto che il guidatore dietro di me non mi ha segnalato nulla (questo è tutt’altro che una giustificazione), il punto è che in ambiente urbano con la mia auto non riesco a misurare la differenza di visibilità tra luci accese e spente (forse per questo, e per distrazione, non me ne sono accorto); è possibile, almeno in primissima approssimazione, che le lampade siano montate troppo basse?

  4. Pingback: Le vacanze 2011 sulle strade ovvero… « Paoblog

  5. Pingback: Smart & Toyota: i miei consumi… « Paoblog

  6. Francesco
    31 gennaio 2011

    Proprio in questi giorni riflettevo sul medesimo problema.

    Anche io, in questo periodo, vedo sempre più frequentemente persone girare in città con automobili a fari spenti quando è già buio, ovvero intorno alle ore 19-20.

    Mi capita di notare persone che si mettono in moto, avviando l’automobile a fari spenti che poi non accendono.
    Oppure di incrociare persone già in cammino che non hanno i fari accesi.
    Persone di ogni genere, devo dire: la signora anziana con la Toyota Yaris nuova nuova (forse è abituata a vetture di vecchio tipo e non sa usare bene quella, trovandola troppo complicata?); il ragazzo quarantenne dall’aria distratta con la Renault Modus; giovanissimi con vecchie Fiat Seicento oppure Nissan Micra, Opel Corsa, Mercedes Classe A, Ford Ka…

    Persone e automobili diverse: come se non dipendesse né da situazioni tecniche o pratiche possibili solo su particolari modelli, né dall’età degli automobilisti.

    A volte penso che possa essere l’illuminazione cittadina a trarre in inganno questi automobilisti; però, in qualsiasi quartiere di Roma ci si trovi, è facile passare da vie perfettamente illuminate, quasi come fosse giorno, ad altre totalmente al buio dove persino con i fari accesi si fa difficoltà a scorgere pedoni che attraversano la strada…

    Imbarazzante e molto molto pericoloso.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31 gennaio 2011 da in Il mondo dell'automobile (e non solo), Sicurezza stradale con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: