Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Strisce blu & segnaletica (inattiva)

Articolo aggiornato dopo la pubblicazione

Strisce blu inattive e cartelli ben in vista nella periferia milanese. E’ un problema del quale ho già scritto e non riesco a credere che nulla si muova,per sistemare la situazioni.

Non ho la presunzione che le mie opinioni espresse sul Blog arrivino a chi di dovere, anche se non ho mai perso la speranza che fra i 50.000 lettori al mese, vi fosse almeno qualche funzionario del Comune, dell’Atm o della Polizia Locale. So che mi legge un sindacato dei vigili, ma non i grandi capi…

Detto questo, ieri ho scritto all’ATM la mail che copio qua sotto, integrata da fotografie, in Copia conoscenza ad alcuni giornalisti del settore, a Quattroruote, ad alcune associazioni dei consumatori con le quali sono in contatto e/o sono socio.

Ho scritto anche al Comune, ma in questo caso si è vincolati  al fatto che non si possono allegare fotografie. Filo diretto con i cittadini, ma senza esagerare… 😉

Non so se questa mail servirà o meno a risolvere la cosa, ma in ogni caso, la domanda di fondo resta: è possibile che nessuno si sia mai accorto della situazione?

Devono aspettare che un cittadino si trasformi in un tenace rompiscatole? E’ questa la metropoli che ospiterà l’Expo2015? Andiamo bene…

° ° °

Buongiorno,

nella scorsa estate il Comune di Milano ha tracciato strisce blu nelle via adiacenti a Viale Monza (zona Gorla – Precotto) il tutto alla faccia della viabilità e della sicurezza stradale; le strisce infatti avrebbero permesso la sosta (a pagamento, beninteso!) anche dove fino al giorno prima era tassativamente vietata.

In prossimità degli incroci, rendendo impossibile attraversare causa mancanza di visibilità, in vie strette e/o con il transito di autobus, che vedevano ulteriormente ridotto lo spazio di manovra.

Ad un certo punto, verso fine ottobre, dopo aver tracciato oltre 26.000 posti, installato tutti i cartelli con le modalità di pagamento ed affisso in condomini ed uffici la spiegazione del meccanismo di sosta, ecco la marcia indietro del Comune.

Detto questo, è da parecchie settimane che ho notato una strana situazione in zona. Transitando ad esempio in Via Fratelli Pozzi (traversa di Viale Monza, zona Gorla) si nota che le strisce blu sono dipinte sull’asfalto e delimitano gli spazi di parcheggio, ma le auto, vuoi per paura di dover pagare, vuoi per abitudine, sostano tutte sul lato opposto, come si vede nella foto 1.

(Esco dal seminato per segnalare ai lettori che Quattroruote “pesca” una (mia) foto dal Blog e la “colloca” a Napoli. Complimenti )

Non è difficile ipotizzare un automobilista che non abita in zona ed arriva nella via in un momento in cui sia semideserta (quasi impossibile, ma plausibile) e decida di parcheggiare negli spazi dipinti sull’asfalto. Poi arrivano i residenti, parcheggiano a sinistra e la strada è, di fatto, chiusa al traffico. Chi è in divieto di sosta a quel punto?

Ma andiamo oltre.

Ho parlato di cartelli poco fa. Ricordiamoci che è abituale prendere multe a causa di cartelli che non si vedono, ma qui si cade nella situazione opposta ovvero i cartelli ci sono, ben visibili, se non fosse che il segnale recepito dal cittadino è contrastante.

Preso atto che le strisce sono dipinte ovunque, mettiamoci per un attimo nei panni di un automobilista di un’altra zona di Milano e/o di un forestiero.

Vede le strisce blu e vede i cartelli con le modalità di pagamento. Alcuni coperti, altri meno. (Vedi foto 2 & 3), può avere la certezza che le strisce sono lì solo quale arredo urbano?

Ancora pochi giorni fa ho scattato alcune foto in via Demostene (Foto 4 & 5) dove si può vedere il primo cartello parzialmente coperto, ma quello in fondo alla strada che di fatto segnala la tariffa per il parcheggio non lo è; notare anche in questo caso, le strisce blu vuote e tutti parcheggiati a destra.

 

 

Che si sappia: alcuni giorni fa in via Pompeo Mariani un’auto (tra l’altro un Suv) ha regolarmente parcheggiato nelle strisce blu poste proprio nelle vicinanze del passo carraio del supermercato (Foto 6) ponendosi di fatto sulla traiettoria di chi arrivava ed ostruendo la visibilità delle auto in uscita dal parcheggio. Tutto regolare, beninteso….perlomeno sulla carta…

Ritengo che sarebbe il caso di coprire i cartelli in maniera definitiva (se non rimuoverli) in attesa che la situazione relativa a queste strisce dipinte, ma inattive, si definisca al meglio.

° ° °

Il parere di Maurizio Caprino:

Come regola generale, quando gli stalli di sosta sono presenti, occorre parcheggiare come essi indicano.

Poi si può interpretare la norma nel senso che la disciplina valga strettamente per il lato su cui le strisce sono tracciate, il che però presuppone che sostando dall’altro lato si rispettino le regole generali, quindi posizione parallela al senso di marcia e spazio sufficiente per almeno una file di veicoli (almeno 3 m) nel proprio senso.

Tutti i segnali non operativi vanno coperti: è un obbligo (corrispettivo a quello di rispettarli), non una cosa semplicemente opportuna.

° ° °

31 maggio 2011 – Quasi due mesi dopo che ho scritto al Comune, arriva la risposta:

Egregio Signore in merito alle Sue osservazioni in caso di discordanza di segnaletica quella verticale prevale su quella orizzontale , si valuterà nelle prossime settimane in merito all’estensione della sosta regolamentata nel tratto finale della zona di viale Monza, e la situazione dei cartelli coperti può risentire delle condizioni metereologjche e del vandalismo . Distinti Saluti Il Responsabile Posta Mobilità e Trasporti

° ° °

Sono passati due mesi da quando ho scritto in Comune, ma il problema è in atto dallo scorso anno. Dicono che nelle prossime settimane si deciderà in merito, ma resta il fatto che da mesi i cittadini si trovano in una situazione perlomeno ambigua.

La situazione dei cartelli coperti può dipendere dal vandalismo e/o dalle intemperie. Fatti vostri mi vien da dire, così come indirettamente dicono i vigili (multandoti) se parcheggi in un’area di sosta regolamentata da un cartello che però non è visibile.

Non sono un esperto, ma come devo interpretare questa affermazione? >  …in caso di discordanza di segnaletica quella verticale prevale su quella orizzontale…

La segnaletica orizzontale mi dice che l’area di parcheggio è a pagamento e la segnaletica verticale conferma la cosa indicando le tariffe e modalità. Per cui?

° ° °

Un veloce commento di Maurizio Caprino a quanto scritto dal Comune:

Questa è bellissima. Perché in caso di discordanza vale la verticale, principio generale (contenuto in non ricordo quale articolo che in questo momento non riesco a vedere) stabilito sulla considerazione che un cartello si cambia più facilmente di una striscia.

Quindi proprio alla verticale dovrebbero stare più attenti, magari coprendola con qualcosa di più efficace che un sacchetto di plastica.

14 commenti su “Strisce blu & segnaletica (inattiva)

  1. Pingback: Arco della Pace, divieti rebus « Paoblog

  2. Pingback: Segnalare le buche al Comune con il palmare « Paoblog

  3. Pingback: Fannulloni o stakanovisti? i due volti dei vigili « Paoblog

  4. Pingback: La sosta è vietata, ma implicitamente autorizzata dal Comune. Perchè? « Paoblog

  5. Pingback: Cambia il Sindaco, ma le strisce blu milanesi restano un rebus… « Paoblog

  6. Pingback: Le strisce blu vanno e vengono e noi paghiamo… « Paoblog

  7. Pingback: Parcometri intelligenti a Milano? Non tutti…. « Paoblog

  8. Pingback: A Mestre, il cacciatore di auto abusive sulle piste ciclabili « Paoblog

  9. Pingback: Un cittadino segnala un marciapiede dissestato ed il Comune… « Paoblog

  10. Pingback: “Come e dove” le disegnate le strisce blu? « Paoblog

  11. Pingback: Milano si riempie di altre strisce blu. Ma sbaglia a disegnarle. E i cartelli vecchi… « Paoblog

  12. Pingback: Ho scritto allo Sportello reclami del Comune e… | Paoblog

  13. Pingback: A Milano eliminano la freccia di svolta al semaforo e mi piacerebbe capire perchè | Paoblog

  14. Pingback: BUFALA Napoli, il Comune istituisce il parcheggio a pagamento con le strisce blu, la risposta dei napoletani – No Alle Bufale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: