Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Tutto per un cane

Bone è un cagnolino che ha perso la mamma e, per motivi diversi, anche le due famiglie che lo hanno successivamente adottato. Charlie è un uomo nella cui memoria bruciano ancora le morti del fratellino e del loro cucciolo Sunny. Henry è il figlio di Charlie, ha undici anni e vorrebbe tanto un cane: farebbe qualsiasi cosa per averne uno.

Lo mette sempre al primo posto nell’elenco dei regali per Natale, ma suo padre non vuole saperne. Henry, che è tanto obbediente quanto tenace, non rinuncia al suo sogno, e quando incontra il randagio Bone è deciso a non lasciarsi sfuggire la possibilità di realizzare il suo grande desiderio…

Tre vite, quelle di un padre, di un figlio e di un cane, intrecciate in una storia che parla di incontri e separazioni, di abbandono e di rinascita, della morte e dell’irrinunciabile ricerca della felicità che accompagna la vita.

“La mia storia comincia con una coda. È il mio primo ricordo, quella coda. Avevo dodici giorni e i miei occhi si erano aperti per la prima volta. Cercai di mettere a fuoco e mi accorsi che qualcosa si stava muovendo, qualcosa di bianco e nero, qualcosa di così affascinante che gli diedi un morso. Era una coda e apparteneva a mia sorella, che guaì. Non avevo ancora i denti, all’epoca, quindi non le avevo fatto male; però l’avevo sorpresa, la mia timida sorella Squirrel. Dopo, morsicai mia madre, e lei mi diede una pacca con la sua grande zampa marrone. Poi mi tirò a sé, avvicinandomi alla sua pancia, e io mi acciambellai, con Squirrel rannicchiata contro il mio fianco…
Io sono Bone.”

Fonte: Il Libraio 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 3 giugno 2011 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: