Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Spezie indiane sotto osservazione: troppo elevato il contenuto di aflatossine

in sintesi un articolo di Luca Foltran che leggo su Il Fatto Alimentare

L’industria delle spezie indiana desta qualche preoccupazione da quando le autorità europee hanno scoperto una serie di punti deboli nelle procedure di sicurezza del Paese al fine di prevenire contaminazioni da aflatossine.

A seguito delle numerose segnalazioni del Rasff (Sistema di allerta rapido europeo), gli esperti del Fvo europeo hanno effettuato un viaggio di 10 giorni sul territorio indiano per approfondire la questione. Rispetto alla precedente ispezione del 2004 sono stati fatti molti progressi, ma restano ancora tanti punti deboli.

Le spezie indiane sono uno dei prodotti che si trovano sotto osservazione in seguito al riscontro di un’elevata percentuale di prodotti contenente aflatossine (il numero di notifiche Rasff ha subito dal 2010 un balzo del 600%, 98 nell’ultimo anno contro 12 dell’anno precedente).

Attualmente circa il 50 per cento delle spedizioni sono sottoposte a ispezione  alle frontiere dell’Ue.

La supervisione da parte delle autorità locali di controllo sui coltivatori di spezie non è ancora abbastanza robusta e non garantisce il miglioramento delle pratiche di coltivazione e fabbricazione da parte dei produttori.

Secondo il rapporto del Fvo, esistono servizi di consulenza ad hoc, ma non tutti i coltivatori, e in particolare i produttori su larga scala, li conoscono; perciò sono inconsapevoli dello sforzo che sarebbe necessario per raggiungere un buono standard qualitativo.

In India è stata introdotta una specifica legislazione per gli oltre 3500 esportatori di spezie, ma non sono state specificate regole chiare in merito alle misure igieniche che i produttori devono rispettare e non è nemmeno obbligatorio migliorare il sistema di controllo.

Il problema del dialogo tra autorità indiane e aziende distribuite sul territorio è più grande del previsto se si pensa che, in taluni casi, persino le notifiche del Rassf non sono state trasmesse da parte delle autorità alle imprese coinvolte.

Lettura integrale dell’articolo QUI

3 commenti su “Spezie indiane sotto osservazione: troppo elevato il contenuto di aflatossine

  1. Pingback: Spezie indiane sotto osservazione: troppo elevato il contenuto di … : Made in India

  2. Carlo
    27 agosto 2011

    Molto interessante, ma il pensiero che i consumatori non siano abbastanza cautelati da questo punto di vista desta preoccupazione….

  3. Pingback: Spezie: l’ombra dello sfruttamento « Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: