Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Eni: la conciliazione si estende al settore elettrico

Ho una tale sfiducia, comprovata da fatti, circa le varie Autorità Garanti (e la recente spartizione politica delle cariche, la dice lunga) e sui vari gradi di conciliazioni  & C. che non so se considerare questa notizia una cosa positiva per noi consumatori oppure l’ennesima presa in giro; tra l’altro ho toccato con mano come Eni, oltre che a fregarsene della raccomandata dello Sportello per l’Energia, alzasse un muro con Altroconsumo in occasione delle mie proteste per la mancate emissione delle bollette.

In ogni caso questo è quello che leggo su Il Salvagente:

La conciliazione si estende anche al settore elettrico. Ma solo con Eni. La società ha infatti sottoscritto con le Associazioni dei Consumatori aderenti al Cncu, un nuovo Regolamento che permetterà, ai clienti Eni, di utilizzare lo strumento anche nel settore elettrico, su tutto il territorio nazionale.

Con il precedente accordo siglato l’8 febbraio 2012, si era avviato un processo di sperimentazione, nel settore elettrico, valido solo in alcune regioni d’Italia: ora la nuova procedura conciliativa, viene estesa a tutti i clienti Eni, su tutto il territorio nazionale.

Tra le novità principali, l’introduzione di compensazioni economiche in caso di ritardi nello svolgimento della procedura conciliativa o nel caso di una non corretta applicazione della tariffa elettrica ai clienti Eni o in altre casistiche specifiche.

Il nuovo Regolamento di Conciliazione e tutte le informazioni sulla Conciliazione saranno disponibili sul sito http://www.eni.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: