Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Come si esce in sicurezza da questo incrocio?

Questa mattina dovevo uscire da un incrocio e questa era la visibilità che avevo a disposizione:

La domanda sorge spontanea: come si fa ad impegnare l’incrocio in sicurezza, se non si vede nulla?

E’ l’unica volta in cui uno spera che vi siano in circolazione solo Suv, che grazie alla loro mole sarebbero visibili, ma se arriva un’utilitaria oppure una moto…?

Avanzo leggermente e la visibilità migliora di poco, ma ho la fortuna di avere la Smart oggi, per cui sono in pratica senza muso; ma una vettura classica, meglio se una bella familiare con un cofano degno di nota? Fin dove dovrebbe andare per vedere chi arriva?

Si, dovrebbe andare fuori abbastanza da essere sulla sua traiettoria e se l’altro arriva un pò troppo veloce (oppure se è distratto dall’abituale telefonino…)

Resta in piedi poi il solito discorso che raccontavo giorni fa, delle strisce blu dipinte sino all’incrocio, con ovvii problemi di visibilità,  ma anche con difficoltà oggettive degli autobus che devono svoltare.

Ed il bello è che da questa vie il vigile di quartiere, in bicicletta, ci passa….

In sintesi, dove non arriva l’illogicità delle strisce blu, arriva l’idiozia del singolo…. avanti così …

Cade a fagiolo il volantino di cui ho parlato ieri

 

8 commenti su “Come si esce in sicurezza da questo incrocio?

  1. Don
    15 giugno 2012

    non sembra neppure un incrocio, sembra una strada senza uscita fotografata dal fondo

  2. Poppea
    19 giugno 2012

    Devi bloccare il traffico, tempo fa, avevo ancora la Uno beige che tenevo parcheggiata nel cortile di mia nonna e per uscire avevo una stradina obbligata, c’era uno che teneva l’apetto fuori del suo magazzino di frutta e verdura, la via stretta ci si passava a malapena.

    Una mattina che mi trovavo lì c’era lui e mi fa’ “ci passa un treno”, io pian piano ci ho provato e meno male che mia madre che era sul sedile a fianco al mio mi ha urlato “guarda che strusci il dietro” io mi sono fermata ed effettivamente non ci sarei passata.

    Ovviamente mi sono incavolata e lui brontolando si è spostato. Altra mattina di nuovo lì ed io gli ho detto di spostarsi lui mi fa’ “ ce passi e non mi sposto”

    Ho fermato l’auto spento il motore chiuso l’auto e sono andata al bar dove sapevo che c’era un ispettore di polizia, amico mio che a quell’ora andava a fare colazione.

    Ha preso l’auto di servizio è corso subito e nel frattempo c’erano altre auto dietro la mia. I poliziotti hanno constatato il blocco del traffico, sono entrati nel magazzino ed hanno visto che non era in regola per prodotti alimentari, hanno chiamato i sanitari e se lo sono INCULATO, il tutto x non aver spostato l’apetto che nei giorni e anni successivi non ho trovato più parcheggiato lì.

    Non c’è nessuna legge che obbliga a fare la gimcana per colpa di idioti che non sanno parcheggiare.

  3. Pingback: Io parcheggio sull’angolo, fallo anche tu; e per non negarci niente… « Paoblog

  4. Pingback: Un’auto in sosta vietata…con sopresa | Paoblog

  5. Pingback: Più bici, meno auto. Così i ciclisti ora usano le strisce pedonali come piste | Paoblog

  6. Pingback: Lasci l’auto con il finestrino abbassato? Occhio alla multa! | Paoblog

  7. Pingback: Quando ci si abitua a parcheggiare male | Paoblog

  8. Pingback: Roma, guerra alla sosta selvaggia e vigili premiati per le multe. Ma fino a quando? | Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: