Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Conca d’oro

Il libro sarà presentato il 21 novembre, ore 18 a Villa Necchi Campiglio – Via Mozart 14, Milano; io ho ricevuto l’invito dal F.A.I., per cui non so se la presentazione è aperta al pubblico…

Giuseppe Barbera racconta che nel 1957 un famoso naturalista nei pressi di Palermo osservò una stranezza: due pulci d’acqua di specie diversa che condividevano la stessa polla; ne venne “l’improvvisa rivelazione” che sta alla base dell’attuale nozione di biodiversità. È questo, prima di tutto, per Giuseppe Barbera la Conca d’oro: un fertile concetto: “aura concha”, che della conca, della conchiglia e del grembo racchiude la fecondità e la sensualità.

Un’idea unitaria, durata centinaia di generazioni, capace di produrre molte altre idee nelle mani e nelle menti, già dai segni delle incisioni rupestri. Questo libro è il racconto della vita della Conca d’oro dall’origine. Storia di un paesaggio, completa da ogni punto di vista. Narra l’epopea del giardino di orti frutta e alberi, coronato dai monti rosa-violetto e fermato dal mare, su cui sorse Palermo, coltivato dai millenni e cancellato in cinquantanni dal cemento e dalla mafia.

Ma va oltre il caso specifico, facendo della Piana un esempio memorabile, modello di comprensione sintetica delle leggi dell’interazione in cui consiste il paesaggio: dove questo è sì l’evoluzione della natura plasmata dall’uomo, ma cessa come evoluzione quando la natura è cancellata. Sicché, al di sotto di tutto circola una differenza che imprime la Conca d’oro, molto più che luogo, come un personaggio nel tempo.

Lavoro e opera. Il lavoro rinnova il sostentamento, l’opera produce con il durevole un universo simbolico, fatto di miti, religioni, filosofie, idiomi, immagini.

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15 novembre 2012 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: