Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

L’idiozia continua: dove oggi ci sono aceri, ciliegi, carpini, olmi e tassi, nasceranno diverse palazzine

polliceversoOgni giorno se ne legge una, sembra un bollettino di guerra, dove politici ottusi e palazzinari avidi, si contrappongono con la logica ed il rispetto dell’ambiente. Da una parte ti fanno il blocco del traffico per contrastare l’inquinamento e dall’altra abbattono alberi e cancellano aree verdi per costruire palazzine, stadi o centri medici.

Leggo sul Corriere: Un angolo di bosco in piena città, poco conosciuto al di fuori della zona 9. Un terreno di sette ettari nell’intersezione tra i quartieri Affori, Comasina e Bovisasca, di proprietà della Provincia. A fine dello scorso anno, l’ente pubblico ha deciso di metterlo in vendita.

Dove oggi ci sono aceri, ciliegi, carpini, olmi e tassi, nasceranno diverse palazzine. Anche di dodici piani. In zona le cooperative hanno smesso di costruire da tempo per mancanza di richiesta. La Provincia, invece, ha deciso di investire e anche in piena crisi non blocca il progetto.

La fine del bosco? Scontata: sarà abbattuto. Non solo. Sono a rischio anche gli orti comunitari dell’ex Pini e il frutteto e le serre dell’Istituto Pareto, l’unica scuola di Agraria milanese.

Ma il quartiere non ci sta, e guidato da un gruppo di diverse associazioni dice no all’ennesima colata di cemento. Inutile e dannosa. Perché il parco, che negli anni Cinquanta era il granaio dell’ex ospedale psichiatrico, si è trasformato in un’oasi naturale e faunistica sorprendente.

Articoli correlati:

Roma a tutto cemento

(Sottotitolo: Non vorremo mica essere inferiori ai Romani no?)

Recuperare edifici storici? Suvvia, abbattiamoli…

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: