Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Le uniche, rare, immagini del grandioso progetto di uno stadio sulle macerie del bosco urbano

Della vicenda relativa al progetto di radere al suolo un Bosco urbano per far posto ad uno stadio ne ho scritto spesso; ma finalmente sono disponibili le immagini del progetto, come racconta il comitato Salviamo il bosco urbano nei suoi ultimi post:

Signore e Signori, corbettesi tutti, ecco l’altissimo livello progettuale della Giunta Balzarotti: qui di seguito potete vedere le uniche, rare, immagini del grandioso progetto di uno stadio olimpico sulle macerie del bosco urbano.

Stadio corbetta

Con questo disegnino, che pare fatto da uno studente al primo anno di un istituto tecnico, si vorrebbe ritenere avviato un processo “di partecipazione”. Vergogna!

Ma con chi pensate di avere che fare: con dei trogloditi?

Abbiamo come la sensazione che questo progetto sia stato messo assieme in fretta e furia, perché è senza logica.

Sono senza logica i 3  campi da calcetto con sotto ben 150 posti auto (centocinquanta, avete capito bene) interrati, il cui ingresso gravita in corrispondenza dell’ingresso di un complesso di 220 alloggi; è senza logica una pista di atletica di quelle dimensioni quando manco c’è una società di atletica e quando – in comuni confinanti – ci sono piste e società in affanno; sono assurde tribune coperte per complessivi 700 posti; è truffaldino il fatto che – in questo disegnino infantile – non si segnino i reali confini delle recinzioni che, è bene saperlo, privatizzeranno la quasi totalità di questa area oggi a disposizioni di tutti.

Con la resa pubblica del “progetto” ci si rende conto sia del’improvvisazione di questa Giunta, sia della insensatezza della distruzione di un bosco per fare posto a un’idea confusa.

Per questo dobbiamo riprendere. Con più forza. Con sempre più gente. Per il Bosco Urbano, per noi corbettesi e per Corbetta.

Noi non ci fermeremo.

° ° °

Persino in Regione hanno capito che la direzione intrapesa negli ultimi anni è quella sbagliata e sta distruggendo il commercio locale oltre che portare alla cementificazione del territorio.

Volendo esagerare potrei aggiungere che n controtendenza con la “nostra” Giunta ecco che nasce il Parco Vettabbia, tra Nosedo e Chiaravalle, all’interno di uno dei siti di maggior pregio del Parco Agricolo Sud. Stanno per partire i lavori per l’area verde, 100 ettari e oltre 30.800 nuove piante. E la vicesindaco con delega all’Urbanistica e all’Agricoltura Ada Lucia De Cesaris ha affermato: “Questa Amministrazione è riuscita finalmente a superare tutti gli ostacoli e le difficoltà legate all’intervento.” Applausi … C’è qualcuno che capisce che il verde è un patrimonio per tutti.

Successivamente il Comitato ha pubblicato questo post conferma la giustezza della protesta: Regione Lombardia: “pronto soccorso negozi di vicinato” in commissione il 5 settembre prossimo.

Il presidente della commissione Attivita’ produttive del consiglio regionale della Lombardia, Angelo Ciocca (Lega Nord), ha deciso di dedicare la seduta del 5 settembre prossimo alla crisi del commercio finalizzato a dotare la regione di una sorta di ”pronto soccorso per i negozi”.

Lo riferisce una nota precisando che l’organismo convochera’ in audizione associazioni di categoria, Anci e sindacati per concordare azioni concrete per supportare la stesura del Piano pluriennale del commercio.

“La giunta sta scrivendo le nuove regole che il consiglio dovra’ poi approvare”, spiega Ciocca. ”E’ quindi doveroso – prosegue – che dalla commissione competente escano direttive chiare e urgenti, affinche’ la regione si doti quanto prima di una sorta di pronto soccorso per i negozi di vicinato, prima che il trend negativo li porti alla totale estinzione”.

Il consigliere regionale rassicura, dunque, che ”non siamo indifferenti al grido di allarme lanciato dal presidente della camera di commercio, Carlo Sangalli, che giustamente evidenzia il ruolo non solo economico ma anche identitario dei negozi. Del resto – osserva Ciocca – i 429 esercizi chiusi a Milano nel primo semestre 2013 sono solo lo specchio di una situazione generalizzata in tutta la Lombardia”.

L’esponente leghista del consiglio regionale lombardo preannuncia, dunque, di avere ”un’idea molto forte e la voglio condividere il 5 settembre con la Commissione. Ma e’ evidente che le nuove misure non possano prescindere dalla stesura di regole piu’ flessibili e dall’alleggerimento della burocrazia, come piu’ volte sollecitato dal governatore Roberto Maroni. I negozi, soprattutto quelli che rappresentano la storia del nostro territorio, vanno agevolati e se possibile sostenuti anche economicamente”, conclude Ciocca.

E noi ci chiediamo se il sindaco di Corbetta (Lega Nord) si ricorda a quale partito politico appartiene… o non appartiene più?

comitato bosco urbano

 

Un commento su “Le uniche, rare, immagini del grandioso progetto di uno stadio sulle macerie del bosco urbano

  1. Pingback: Ho l’auto vecchia e mi volete fare pagare più pedaggio in autostrada? | Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: