Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Toccata e fuga

di Lisa Gardner

Marcos y Marcos – Pagg. 491 – € 17,00 (lo vendo ad € 7,00 + spese spedizione )

Toccata e fuga - € 5,00

Trama: Wyatt Foster è un uomo che fa innamorare: calmo, sorridente, osservatore, più incline ad ascoltare che a parlare. Tessa Leoni, con lui, vorrebbe mettersi i tacchi, sciogliersi i capelli, ma tutto questo dovrà aspettare. Ora devono indagare insieme, e non c’è tempo da perdere, perché un’intera famiglia è stata rapita: Justin, Libby e Ashlyn Denbe.

Anche Justin è un uomo che fa innamorare: forte, sensuale, generoso e persino ricco, promette di regalarti il mondo. Libby si è innamorata e tanto; quando è nata Ashlyn pensava che la sua felicità non sarebbe mai finita. Quindici anni dopo, scoprire che Justin la tradisce con una ventenne è una vertigine.

Non bastano una collana di brillanti e una cena romantica per recuperare la fiducia. Come affrontare, adesso, costretti a un’intimità forzata, il terrore di un sequestro?

Fuori, nel mondo libero, Tessa e Wyatt cercano indizi a perdifiato. Ci sono misteriosi buchi finanziari nella grande azienda di Justin, e i dirigenti non fanno che mentire.

Chi ha rapito la famiglia Denbe in casa sua conosceva i codici per disattivare l’antifurto. Doveva essere una persona vicina, quindi, ma perché non arrivano richieste di riscatto?

E soprattutto, si chiedono Tessa e Wyatt, sono ancora vivi, Justin, Libby e Ashlyn Denbe? Noi lettori lo sappiamo bene: sono vivi, in grande pericolo e tutti e tre nascondono segreti…

Letto da: Paolo

Opinione personale: Mi è piaciuto, è scritto in modo tale da catturare da subito l’attenzione del lettore, che non rischia certo di annoiarsi in una vicenda che racconta la prigionia della famiglia che alterna i momenti in cui ognuno di loro è costretto a fare un bilancio della sua vita e degli errori commessi e dall’altro devono restare uniti contro rapitori determinati e piuttosto violenti.

Parallelamente possiamo vivere l’investigazione delle varie forze di polizia in campo, affiancate dall’investigatrice incaricata da società del rapito. Ho intuito in anticipo il mandante, ma è altresì vero che le conferme arrivano solo alle ultime pagine, ma l’autrice riesce ad infilare ancora un paio di colpi di scena, prima della parola Fine.

Mi è piaciuto, anche se nella mia personale scala di giudizio si ferma ad un Buono. L’Ottimo lo lascio, ad esempio, a L’uomo di Lewis così come a La notte di Praga.

Piacevole la nota finale sui ringraziamenti.

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 ottobre 2014 da in L'angolo dei libri - le nostre recensioni con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: